Passa ai contenuti principali

L'ultima Eclissi

                                                              Riguarda & Recensisci
Come dice un vecchio proverbio, non c'è due senza tre.
Ed ecco a voi di nuovo la rubrichetta riguarda e recensisci che ripesca i film visti e non ancora recensiti alla fabbrica, oggi è il turno del bellissimo L'ultima Eclissi tratto dal romanzo Dolores Claibourne che ho acquistato mesi fa, e che prossimamente leggerò di Stephen King.
"Certe volte fare la carogna è l'unica cosa che resta a una donna"
La prima impressione che mi feci di questo film, che anni fa lo registrai in tv, quando ancora c'erano i videoregistratori, poi lo recuperai tramite emule e lo misi nel dvd (per favore non fate moralismi del caxxo riguardo a emule eh?) è stata quella di raccontare in maniera veritiera le donne che subiscono veramente violenze domestiche, con una sorprendente capacità di carpirne la realtà della brutalizzazione, che colpisce la maggioranza di queste donne, e li rende oltre che succubi anche brutali nei confronti degli altri.
C'è un incattivamento che ti prende, e lo si usa non per colpire gli altri, ma per proteggere se stessi dal male che arriva dal di fuori delle tue mura domestiche.
Quanto è capace di subire una donna dentro le mura della propria casa? Spesso capita che ci sono segreti terribili che si celano dietro la scritta benvenuto del tappetino davanti alla porta.
E' come se dentro casa vessazioni, botte, stupri, prendessero una vita propria, ed è una vita nascosta dalla forza interiore di donne, capaci di soffrire  per  ogni cattiveria perpetrata dai propri uomini, e di stare in silenzio, sperando in una vita migliore per i propri figli, ed è quello che succede a Dolores Claibourne donna semplice, ma spiccia e indurita dalla vita, che ha passato l'inferno dentro il suo matrimonio, e da quell'inferno ha fatto uscire la sua unica figlia Selina, ora giornalista di successo, ma che dentro cova il ricordo rimosso di abusi subiti da suo padre, che sua madre ha affrontato per salvarle la vita e allontanarla da quell'inferno.
Adesso le due donne si ritrovano per l'omicidio di Vera Donovan, la donna per la quale Dolores lavorava e si scoprirà poi in seguito come sono avvenuti i fatti.
Ci sono due donne, una madre e una figlia che si confrontano con un passato difficile da dimenticare e soprattutto da affrontare, poi ci sono gli uomini, cari uomini, sempre a proteggersi l'uno con l'altro, il detective che ha risolto tutti i casi tranne quello della morte del marito di Dolores e che intende ora avere una rivalsa contro quella donna che gli era sfuggita anni a dietro, poi c'è l'impiegato di banca, che da i soldi al marito violento di Dolores, soldi che lei aveva conservato per permettere a sua figlia di studiare, e di allontanarsi da quello schifo e tanto altro ancora.
Il film inoltre dimostra l'incapacità degli uomini di fermarsi di fronte al dolore, e la loro debolezza nell'affrontare la vita, rispetto alle donne, capaci di sopportare qualsiasi cosa come angherie, botte, insulti e non a caso anche stupri.
Donne che ricordiamolo molto forti dentro, capaci di stare in silenzio, ma spesso è proprio quel silenzio ad urlare più forte di qualsiasi parola.
Questo è un film da fare vedere ai propri uomini, per mostrare loro la grande capacità di noi donne di essere forti interiormente, rispetto alla loro forza fisica.
Ed è qui che due bravissime attrici come Kathy Bates, che aveva già girato un film tratto da un opera di Stephen King come Misery Non deve Morire, vincendo pure un oscar, film che prossimamente recensirò in questa stessa rubrica alla fabbrica, e la sempre sorprendente Jennifer Jason Leigh nel ruolo di Selina.
All'ultimo capirà che ha fatto sua madre per salvarla da quella vita, e la perdonerà, nonostante tutto il dolore che ha subito per colpa del marito.
Un piccolo capolavoro, di sconvolgente realtà, se non l'avete visto correte subito a guardarlo, non ve ne pentirete.
Voto: 8



Commenti

  1. Era bello anche il libro originale, poi la Bates sa sempre il fatto suo ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.