venerdì 13 giugno 2014

Nella Casa

Ecco un altro film di François Ozon, che da queste parti è proprio di casa possiamo dire, eh si, e con la scusa di ScreenCult, sto recensendo i suoi film.
Quello selezionato oggi è Nella Casa, che racconta di un professore, Germain che scopre un talento letterario in un suo giovane allievo, Claude e lo convince a scrivere il suo racconto, andando a stabilirsi a casa di un suo amico, la sua presenza in quella casa sconvolgerà gli equilibri, soprattutto quando il giovane si invaghisce della madre.


François Ozon ci ha abituati a molteplici generi del suo cinema, anche con diverse sfaccettature, e questo film non è da meno.
Coaudiuvato da un cast in perfetta forma, gestisce un racconto di formazione che mixa arte e vita, fino a diventare un tuttuno.
Avvolte non si capisce dove finisce l'uno e comincia l'altro, ma la costruzione è affascinante e la psicologia dei protagonisti, viene messa in scena come si farebbe come la stesura di un romanzo, o di una piéce teatrale.
E che ti combina Ozon?
Il furbacchione lancia la sfida allo spettatore, come fosse il protagonista che dovrebbe alla fine leggere il romanzo di Claude, e come in un gioco di specchi si vede riflesso nel personaggio.
Intanto tutto ciò che accade nella casa del suo amico, Claude lo descrive nel romanzo e Germain ne rimane impressionato, collaborando persino a leggerlo e modificarlo con il suo giovane pupillo.
Il film è un opera perfettamente articolata, grazie a una regia sapiente e sagace, ma soprattutto alla costruzione di uno script brillante e spaventosamente attuale, dimostrando non solo di saper parlare allo spettatore, ma di assumere un atteggiamento di complicità con esso, giocando a più livelli di sfaccettature, che solo un autore abile e ricco di fantasia riesce a fare.
Nel cinema di Ozon non esiste la banalità, non esistono le ispirazioni e il citazionismo; è invece molto presente uno stile pungente, ironico e polemico a volte, ma che fa riflettere, e non è da tutti oggi un regista capace di porgere la mano allo spettatore e renderlo partecipe, come se si trovasse dentro la storia, accanto ai personaggi, proprio come succede con Claude, lui va dentro la casa del suo amico, e noi lo seguiamo dentro il film, un bellissimo gioco di specchi, non c'è che dire.
Voto: 8



2 commenti:

  1. Purtroppo non sono riuscita a vederlo al cinema ma ne ho sentito parlare benissimo e la cosa mi incuriosiva tantissimo anche perchè il trailer era molto invitante! Dopo il tuo super voto penso sia il caso di metterlo in cima alla lista! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si, poi François Ozon è una garanzia di qualità, con lui vai sul sicuro ^_^

      Elimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...