Passa ai contenuti principali

Bronson

Questo film per me è stato una rivelazione, sia perchè grazie a questo il regista Nicolas Winding Refn è entrato nella cerchia dei miei registi preferiti, e Tom Hardy che qui è spaventosamente superbo è ormai tra i miei attori favoriti.
Il film in se è un capolavoro spaccaculo, come dissi all'antro, non c'è un attimo di tregua, il regista non strizza l'occhio allo spettatore, semplicemente ti mostra il film e il personaggio di Michael Peterson, che non ha nulla a che invidiare all'Alex De Large di Arancia Meccanica di Kubrickiana memoria, un uomo per cui la violenza è ormai diventata una ragione di vita, tanto da passare trent'anni in isolamento, nonostante non abbia ucciso nessuno.


E' il suo temperamento pazzoide che ne fa un pericoloso criminale, tanto da essere persino internato in un manicomio, e qui c'è una delirante scena coi pazzi che ballano sulle note di it's a sin dei Pet shop Boys.
Potevo non recensire quello che per me, almeno quest'anno è uno dei film rivelazione dell'anno?
Un opera indimenticata, che devo dirlo, è già entrata nel mio olimpo personale, grazie a questo film ho deciso di recuperare gli altri film di questo regista talentuoso.
Ma andiamo al dunque, Nicolas Winding Refn dirige il film ispirato a una storia vera, e qui potreste fare due più due, nel dire eh si, ci saranno i soliti difetti, il film è romanzato e bla bla bla...
Il mio consiglio è...non abbiate pregiudizi e guardate questa meraviglia di film, io l'ho adorato dall'inizio alla fine tanto da entusiasmarmi per ogni scena delirante, e allo stesso tempo esilarante, perchè nonostante tutto non puoi non apprezzare il personaggio, che sta persino simpatico allo spettatore.
E' un film incredibile, che spiazza e sconcerta, ma allo stesso tempo non lo dimentichi facilmente, il tutto grazie a una regia sapientemente efficace e brillante, e a un attore straordinario: Tom Hardy.
Si dice che Christopher Nolan lo abbia scelto per il ruolo di Bane dopo aver visto questo film, e non posso dargli torto, dato che è un attore bravissimo.
Per quanto mi riguarda questo film è ormai un cult, ma il bello è che non stanca mai, ti tiene incollato alla poltrona dall'inizio alla fine, e nonostante le gesta discutibili del suo protagonista, ti conquista e non ti lascia più, e credetemi, appena lo vedrete non solo mi darete ragione, ma anche per voi diventerà un cult.
Alla fine, anche se Bronson cerca di allinearsi, costruendo per se una vita normale, deve trascendere dalla realtà e capire che deve accettare la sua natura violenta, quella che spacca le ossa ai secondini, quella che morde, quella che pesta a sangue la gente, e quella che gli fa commettere furti, bisogna accettare la natura, non allontanarsi, anche se le sue azioni sono discutibili.
CAPOLAVORISSIMO
Voto: 10




Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.