Passa ai contenuti principali

Dallas Buyers Club

Questo è un film che mi ha colpito molto: primo perchè racconta una storia di malattia, in primo piano l'aids, di cui il protagonista, Ron Woodroof - uno straordinario Matthew McConaughey irriconoscibile nel suo trucco e per il suo fisico scheletrico - si scopre malato di questa tremenda malattia, quando va in ospedale gli viene somministrato L'AZT, un potente antivirale approvato dalle casa farmaceutiche e nello stesso tempo ci aggiungono un placebo, per vedere se la medicina funziona davvero, ma questa invece di curarlo gli provoca un collasso e peggiora la situazione.
Ron comunque conosce un medico radiato dall'albo che ha scoperto una cura a base di una proteina non dannosa che le case farmaceutiche hanno rifiutato di riconoscere come cura, la proteina è la peptite d, che pur non essendo stata approvata non solo non gli produce danni fisici, ma migliora il suo stato di salute.
Tramite questa scoperta con un trans Rayon - un bravissimo Jared Leto completamente trasformato - mettono insieme un club per diffondere questa medicina e curare i malati.
I problemi non tarderanno ad arrivare e i due si troveranno persino l'FBI alle calcagne.

Ron scopre alla fine gli imbrogli delle case farmaceutiche ai danni di ignari cittadini, che per far soldi non guardano in faccia nessuno, anche se la  cura che approvano è dannosa per il loro organismo, non gliene importa niente, ti impongono la medicina per riempire i soldi nei loro conti correnti, poi se la gente muore o la sua salute peggiora a loro non interessa.
Nonostante queste pressioni Ron non si arrende, anche se capisce che la medicina può solo aiutarlo a convivere con la malattia, e aumentare le aspettative di vita, ma inevitabilmente non può guarirlo, ma meglio vivere qualche anno in più piuttosto dei trenta giorni previsti dai medici all'ospedale non trovate?
Un film davvero intenso e toccante, con due straordinari attori che davvero sorprendono per tutta la durata del film, che di per se colpisce per la sua sincerità nello sputtanare i medici, capaci di servire le case farmaceutiche e le loro tasche piuttosto che curare i pazienti.
Ed è questa spietata sincerità che colpisce maggiormente in questo film, ma è anche la caratterizzazione dei personaggi che lascia davvero il segno: Ron prima omofobo, razzista e ignorante, non appena si rende conto della sua malattia e conosce Rayon, dapprima lo maltratta, poi capisce che tra loro è nata un amicizia e comincia a trattarlo meglio, facendolo diventare socio del Dallas Buyers Club dove vendono la medicina con la proteina capace di curare i pazienti, ma la malattia è impetuosa e nonostante fanno di tutto per vivere capiscono che il tempo è limitato anche per loro.
Un film tratto addirittura da una storia vera, con una regia nuda e cruda, e una particolare attenzione ai personaggi, anche se non è il classico prodotto da oscar, nonostante la vittoria di McConaughey e Leto come protagonista e non protagonista, le interpretazioni sicuramente hanno colpito positivamente i membri dell'academy.
E' anche un film duro, polemico contro le cure mediche che prescrivono, che certe volte peggiorano la salute delle persone anzichè migliorarla, quindi un film da vedere per riflettere sulla cattiveria di certi medici e sulla scandalosa mercificazione della salute della gente.
Da non perdere.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…