domenica 16 marzo 2014

Dallas Buyers Club

Questo è un film che mi ha colpito molto: primo perchè racconta una storia di malattia, in primo piano l'aids, di cui il protagonista, Ron Woodroof - uno straordinario Matthew McConaughey irriconoscibile nel suo trucco e per il suo fisico scheletrico - si scopre malato di questa tremenda malattia, quando va in ospedale gli viene somministrato L'AZT, un potente antivirale approvato dalle casa farmaceutiche e nello stesso tempo ci aggiungono un placebo, per vedere se la medicina funziona davvero, ma questa invece di curarlo gli provoca un collasso e peggiora la situazione.
Ron comunque conosce un medico radiato dall'albo che ha scoperto una cura a base di una proteina non dannosa che le case farmaceutiche hanno rifiutato di riconoscere come cura, la proteina è la peptite d, che pur non essendo stata approvata non solo non gli produce danni fisici, ma migliora il suo stato di salute.
Tramite questa scoperta con un trans Rayon - un bravissimo Jared Leto completamente trasformato - mettono insieme un club per diffondere questa medicina e curare i malati.
I problemi non tarderanno ad arrivare e i due si troveranno persino l'FBI alle calcagne.

Ron scopre alla fine gli imbrogli delle case farmaceutiche ai danni di ignari cittadini, che per far soldi non guardano in faccia nessuno, anche se la  cura che approvano è dannosa per il loro organismo, non gliene importa niente, ti impongono la medicina per riempire i soldi nei loro conti correnti, poi se la gente muore o la sua salute peggiora a loro non interessa.
Nonostante queste pressioni Ron non si arrende, anche se capisce che la medicina può solo aiutarlo a convivere con la malattia, e aumentare le aspettative di vita, ma inevitabilmente non può guarirlo, ma meglio vivere qualche anno in più piuttosto dei trenta giorni previsti dai medici all'ospedale non trovate?
Un film davvero intenso e toccante, con due straordinari attori che davvero sorprendono per tutta la durata del film, che di per se colpisce per la sua sincerità nello sputtanare i medici, capaci di servire le case farmaceutiche e le loro tasche piuttosto che curare i pazienti.
Ed è questa spietata sincerità che colpisce maggiormente in questo film, ma è anche la caratterizzazione dei personaggi che lascia davvero il segno: Ron prima omofobo, razzista e ignorante, non appena si rende conto della sua malattia e conosce Rayon, dapprima lo maltratta, poi capisce che tra loro è nata un amicizia e comincia a trattarlo meglio, facendolo diventare socio del Dallas Buyers Club dove vendono la medicina con la proteina capace di curare i pazienti, ma la malattia è impetuosa e nonostante fanno di tutto per vivere capiscono che il tempo è limitato anche per loro.
Un film tratto addirittura da una storia vera, con una regia nuda e cruda, e una particolare attenzione ai personaggi, anche se non è il classico prodotto da oscar, nonostante la vittoria di McConaughey e Leto come protagonista e non protagonista, le interpretazioni sicuramente hanno colpito positivamente i membri dell'academy.
E' anche un film duro, polemico contro le cure mediche che prescrivono, che certe volte peggiorano la salute delle persone anzichè migliorarla, quindi un film da vedere per riflettere sulla cattiveria di certi medici e sulla scandalosa mercificazione della salute della gente.
Da non perdere.
Voto: 8


Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...