Passa ai contenuti principali

La Grande Bellezza

Ok a che ci sono mi tiro in ballo pure io, e recensisco l'ultima opera vincitrice di un oscar di Paolo Sorrentino, che gli italiani di facebook reputano un capolavoro accostandolo addirittura e dico ADDIRITTURA al grande Fellini, non capisco che vuol dire questo accostamento, forse per via della Dolce Vita? Anche se sinceramente non parla della dolce vita romana di via veneto, il film di Fellini cari amici facebookiani, è molto più profondo del film di Paolo Sorrentino, che più che trarre spunto dal capolavoro felliniano si ispira anche alla lontana.
Ecco il mio parere, non è il capolavoro che dicono, non capisco tutta questa contentezza, questa fierezza, e questa tifoseria per un film, ma quando mai bisogna urlare al miracolo per un film perchè vince un oscar? Manco fosse una partita di calcio, ecco come siamo giunti noi italiani, e forse è di questo che parla Sorrentino di un italietta sempre pronta a festeggiare, e a godersela, dentro il loro piccolo mondo decadente  - e la cosa è molto più profonda e drammatica dell'opera Felliniana che parla si del bel mondo, ma che ne sottolineava anche l'armonia, lo star system che allora era uno dei cardini del nostro cinema dato che anche gli americani venivano a girare i film da noi, e non gli spot pubblicitari ndr. - dei salotti chic, ricconi, gente piena di soldi, che non fa altro che spendere soldi in festini, per poi parlare di ragazzi disoccupati dall'altro della loro superiorità non capendoci una sega.


Dentro questo mondo c'è Jeb Garbanella, uno scrittore che si è gettato nella mischia della grande bellezza, dei salotti chic, delle feste della gente che conta, ma restando imprigionando in quel bel mondo, in quella dolce vita - non è un accostamento al film di fellini - perdendo la sua identità, ora a 65 suonati fa il punto della sua vita cercando una via d'uscita da questo mondo, cercando uno spruzzo d'aria e uno spiraglio di vita dentro quella massa di gente inutile e boriosa che cazzeggia perchè è qualcuno o perchè vuole diventare qualcuno, lui vuole ritrovare la luce che ha perduto e uscire da quella gabbia di zombie da cui si è rinchiuso quando era un giovane di belle speranza inghiottito da quella bella vita.
Ma c'è sempre un prezzo da pagare, e cerca di ritrovare il suo amore perduto scoprendo che poi non c'è altra possibilità, e allora ricerca se stesso in quasi tutte le persone che incontra, riuscirà a trovare la luce? O sarà un altra illusione alla sua vita fasulla?
Un film sinceramente drammatico, un opera di sconvolgente tristezza, che fotografa un paese senza identità, racchiuso nel piccolo mondo della casta, di una borghesia incapace di vivere, ma di esistere solamente, e dall'alto del loro privilegio sputare sentenze sulla gente povera.
Sinceramente non so se questo film mi sia piaciuto, anzi non mi è piaciuto affatto, ma non perchè sia brutto o che non abbia nè capo nè coda, che sarebbe anche assurdo, tecnicamente gli preferisco altri film di Sorrentino, vedasi il bellissimo Il Divo o Le conseguenze dell'amore, Tony Servillo è un attore favoloso, il migliore attore contemporaneo che abbiamo in italia, ma non è un capolavoro, forse un giorno verrà rivalutato o forse no, ma decisamente è un film che lascia l'amaro in bocca, soprattutto per la storia che racconta non certo per la qualità, anche se a dirla tutta è un buon film, ma non un capolavoro.
Voto: 7




Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.