Passa ai contenuti principali

Saving Mr Banks

Tom Hanks e Emma Thompson per la prima volta insieme in una deliziosa commedia che rievoca la lavorazione del capolavoro Disney, tratto dal romanzo di PL Travers Mary Poppins in cui la scrittrice era riluttante ad accettare la versione per il grande schermo fortissimamente voluta da Walt Disney per via del romanzo preferito delle figliolette, le cui hanno chiesto al padre la versione cinematografica.
Sarà una lotta senza esclusione di penna e di colpi, e se la scrittrice - interpretata da una Emma Thompson in forma smagliante - pretende un registratore per lavorare allo script e per convincersi del tutto, sarà proprio lo zio Walt e la sua compagnia - un Tom Hanks ispiratissimo - a far si che la signora si decida, e a scavare sul suo passato in cui il romanzo è ispirato.

Il film viaggia su due binari paralleli, apparentemente senza nessun collegamento, poi man mano che la storia va avanti si capisce il legame con il romanzo Mary Poppins, e la storia di quella bambina bionda, che aveva perso il padre, non dico altro per non rovinarvi la sorpresa, anche perchè spoilererei, e sapete che odio spoilerare.
La solarità dello zio Walt cambierà la vita di Pamela Travers, anche se per arrivare ad accettare bisogna accettare prima i doni che la vita ci fa avere.
John Lee Hancock dirige un film delizioso e solare, e per protagonisti ci sono due attori straordinari Tom Hanks e Emma Thompson, per la prima volta insieme, in una commedia che può sembrare sdolcinata, ma che è in realtà un piccolo gioiellino sapientemente curato da un regista capace di parlare al pubblico senza essere melenso e scontato.
Credevo che questo film fosse sdolcinato, ma invece mi ha conquistata, consigliatissimo a chi si sente ancora un bambino capace di sognare e di cantare o anche di volare con la fantasia, presto cercherò il film Mary Poppins e parlerò anche di questo film, che vidi da piccola e mi piacque pure.
Badate che questo film è una delle cose migliori uscite ultimamente al cinema, ne vale la pena spenderci due orette a guardarlo.
Voto: 7





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.