Passa ai contenuti principali

12 Anni Schiavo

Ha ancora senso parlare di schiavitù nel terzo millennio?
Fatevi questa domanda e poi datevi una risposta, chiunque uomo sia schiavo di un altro, sia sotto le frustrate, sia in epoca contemporanea, quando i media dettano le regole del nostro quieto vivere e noi le seguiamo ciecamente, oppure siamo schiavi di un culto religioso che cancella la nostra libertà di pensiero, emozione, espressione o peggio ancora cancella il nostro libero arbitrio E' uno schiavo.
Ora la schiavitù è molto diversa da allora, ma bisogna andare alla radice per comprenderne il punto.
E lo fa Steve McQueen, che si è rivelato con il sorprendente Shame  ma qui va a fondo, se il film precedente raccontava una schiavitù sessuale, questo film spinge il pedale sulla piaga che ha colpito il popolo di colore: la piaga dello schiavismo, il lavoro nei campi di cotone, le frustrate, lo sfruttamento, l'essere trattati alla stregua non di esseri umani, ma come animali, bestie segregati a lavorare 10, o anche 15 ore al giorno Gratis, per ingrassare il patrimonio del padrone, e se ti ribellavi erano frustate, che facevano uscire la carne viva di fuori, allora non si scherzava.
La storia è ripresa dal libro di memorie di Solomon, un uomo libero che con l'inganno è stato costretto ad essere schiavo da dei furfanti.
 Solomon è bravissimo a suonare il violino, e dopo il lavoro i padroni lo prendono per allietare le loro feste, fino a quando non sfida uno dei padroni che lo obbliga a rifare uno steccato perchè non è abbastanza liscio, allora cominciano i problemi e Solomon è costretto a lasciare la fattoria, per finire nelle grinfie di un altro padrone ancora più rigido e duro di quello che aveva un tempo.
A quei tempi mai fidarsi di un bianco, ed è soprattutto il buon cuore e la fiducia di Solomon a metterlo nei guai, e per questo non rivedrà i suoi figli se non dopo dodici anni, trovandoli ormai cresciuti e con figli piccoli.
Steve McQueen, dirige il suo film più commovente e toccante, grazie al patrocinio di attori come Brad Pitt alla produzione, ha potuto girare questo film meraviglioso, lo confesso durante la visione ci sono stati momenti agghiaccianti, che avrei voluto urlare la mia indignazione contro quel padrone che frusta senza pietà la piccola schiava nera, che sotto sotto si scopa, e che da sempre ha accresciuto le ire della moglie.
Brad Pitt non produce solo il film, fa un piccolo ruolo di contorno, del proprietario contrario alla schiavitù, quello che poi libererà Solomon, unico bianco onesto in mezzo al grande calderone di bastardi che circondano la piantagione.
Michael Fassbender è bravissimo nel ruolo del padrone schiavista, sembra davvero uno di quei bastardi che sottomettevano i poveri neri, si è immedesimato talmente nella parte da far vedere al pubblico come erano trattati prima i neri, a quei tempi.
Bravissimi anche gli attori di colore, Chiwetel Ejiofor nel ruolo di Solomon, attore capace di commuore con una sola espressione, e il neo premio oscar come attrice non protagonista Lupita Niong'o.
Un film intenso e commovente, come non se ne vedevano da anni, sarà per questo che ha vinto come miglior film ai premi oscar? Va da se, che il premio se lo è meritato tutto, forse, e dico forse è un capolavoro, ma questo solo il tempo lo stabilirà.



Commenti

  1. voto 9,99 periodico, sono d'accordo che è una cosa grande, anzi di più:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…