Passa ai contenuti principali

Mystic Pizza

Due sorelle Kat e Daisy, perennemente in competizione e la loro migliore amica Jojo, alle prese con il matrimonio con un giovane pescatore andato a monte, fanno i conti con i loro sentimenti.
Kat è studiosa, sensibile e sognatrice, sua sorella Daisy è completamente l'opposto, sveglia determinata e coi piedi per terra, la prima si innamora di un uomo sposato in un momento di libertà dalla moglie, la seconda di un ragazzo di buona famiglia, in cui entra in contrasto per poi scoprire che è davvero un bravo ragazzo.
Jojo, invece è in crisi col fidanzato dopo essere svenuta al loro matrimonio, riusciranno le nostre eroine a scoprire i loro sentimenti e trovare l'uomo giusto per loro?
Tutte e tre lavorano in una pizzeria, gestita da Leona con suo marito che non ha figli, ma è molto affezionata alle ragazze che lavorano per lei, quando Kat si accorge che la moglie dell'uomo di cui lavora come babysitter è tornata e lui torna da lei capisce che quello che Daisy le ha detto è la verità, e le due sorelle si ritrovano in un abbraccio sentito e consolante.

Una tenera commedia romantica molto lontana dai canoni hollywoodiani, anche se ci somiglia parecchio, le tre protagoniste sono le giovani Annabeth Gish, Lily Taylor e Julia Roberts prima di vestire i panni di Pretty Woman con cui è diventata celebre in tutto il mondo, primo film di successo in cui è coprotagonista ma che dimostra davvero di saper tenere la scena, e non temere le sue colleghe, che anche loro dimostrano la loro bravura.
La regia di Donald Petrie è abbastanza standardizzata, tutto procede nel giusto corso e non offre nessuna innovazione, ma daltronde è un film semplice, non è che bisogna inventarsi chissà che cosa.
La forza sta nello script e nella caratterizzazione dei personaggi, fin troppo intriganti, tutto è condito come una buona pizza, o come la misteriosa ricetta di Leona, quella della mystic pizza, perciò è impossibile non restarne conquistati.
Il film parte bene e il pubblico femminile riesce molto facilmente a immedesimarsi nella storia e nei personaggi, fino a creare una speciale empatia, quindi viene molto facile ricordarselo.
Carino, delizioso e sfizioso, come una buona pizza.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.