Passa ai contenuti principali

Lo sguardo di Satana - Carrie - risultati sondaggio + recensione

Ecco i risultati del sondaggio, si comincia con questi, poi c'è la recensione al remake, come volevasi dimostrare ha vinto la prima versione, cioè quella diretta dal grande Brian De Palma che ho recensito proprio Qui, lo dirò, il risultato era un po' scontato e sinceramente alla notizia di un remake, targato Kimberly Pierce ho storto un po' il naso.
Semplicemente perchè non ritengo corretto l'uso spropositato di remake, reboot e rifacimenti vari perchè il film esiste già, quindi perchè rifarli? Risposta corretta SOLDI!!! Nient'altro che soldi.
E l'originale di De Palma ha stravinto nel sondaggio, il remake non ha ricevuto NESSUNA VOTAZIONE!!! Quindi cari gestori degli studios, perchè non vi rivolgete al pubblico prima di buttare i vostri soldi e soprattutto I NOSTRI in produzioni inutili sperperando il nostro/vostro denaro?
Il risultato è evidente: il film di De Palma vince all'unanimità.
Nessun messaggio arrivato quindi mi accingo a fare la recensione del remake...
Ecco il mio parere.

Lo sguardo di Satana - Carrie, Carrie chi? Oddio perchè cambiare postazione al titolo? Per agguantare il pubblico dei più giovani? Ricordo che Carrie veniva prima de lo sguardo di satana giusto? E allora? Perchè sto cambiamento stupido?
Prima domanda, ecco la seconda: prima volta del ciclo mestruale; è mai possibile che nell'epoca dei pc, degli ipad, dei tablet etc etc etc...esiste ancora un adolescente sfigata che veste con gli abiti della nonna e ha i capelli spettinati che non sappia cosa sia un ciclo mestruale?
Terza domanda: E la protagonista, perchè nel suo ruolo di sfigata non è poi così credibile dato che l'attrice è molto bella ma è incapace di suscitare emozioni e di scuotere il pubblico fino al massacro finale a scuola? Ci sarà mai un regista (in questo caso una regista) capace di evitare di confrontarsi con le opere del passato e fare opere di suo pugno e riuscire a SPAVENTARE davvero?
No, non ci sarà, e sapete perchè? Perchè ormai non riescono a fare spaventare nessuno!
C'è poco da fare, tranne rarissimi casi ormai l'horror è un genere  che si replica da solo, ma a forza di replicare rischi di gettare ombra e fango su capolavori assoluti quali sono in questo caso il mitico Carrie di Brian De Palma, che a differenza di questo perdibile filmetto, aveva un suo perchè, ed era credibile negli anni settanta, che una ragazza ancora non sapeva cos'era un ciclo mestruale, era credibile inotltre la grandissima Sissy Spacek nel ruolo di Carrie, capace di creare empatia con il pubblico, e soprattutto riuscire ad entrare nell'immaginario degli appassionati di horror, cosa rara di questi tempi, insomma se nel film di De Palma il personaggio di Carrie riusciva a creare una sorta di riconoscimento in cui tutti noi ci vedevamo riflessi, Cloe Moretz sembra una bambolina fuori parte, incapace di scuotere, e soprattutto incapace di creare empatia.
Il film di De Palma inoltre era molto psicologico, perchè raccontava in maniera spigliata non di una semplice sfigata, ma di una ragazza sola, emarginata, che era lo zimbello della scuola a causa di una madre bigotta, poi la vita a scuola, le compagne che la prendevano in giro per come era vestita, tutto era riflesso in questa anima pura, dolce, e buona si può dire che toccava il fondo al ballo studentesco, e lì  SI che capitava la catarsi, perchè non si trattava solo di sfogare la rabbia repressa contro chi le ha buttato addosso sangue di maiale, ma lo sfogo era anche sulla madre bigotta, che l'ha fatta crescere come una spostata, un esplosione di rabbia che avrà le sue vittime, "vittime" l'unica vittima che può considerarsi tale è proprio Carrie, che ha subito in silenzio e poi è scoppiata in tutta la sua ira, loro hanno solo pagato le conseguenze del loro comportamento.
Ebbene, nel film di Kimberly Pierce tutto questo non avviene, assistiamo solo a una brutta copia di un capolavoro, che ne è solo l'ombra.
Il mio consiglio, recuperate il capolavoro di Brian De Palma e non sprecate soldi in questa fesseria di film, persino Julianne Moore è toralmente fuori parte, la grande Piper Laurie la madre nella pellicola originale se la pappa a colazione.
Voto: 2


Commenti

  1. non c'era proprio competizione.
    troppo superiore l'originale...

    RispondiElimina
  2. " persino Julianne Moore è toralmente fuori parte, la grande Piper Laurie la madre nella pellicola originale se la pappa a colazione"

    eh no su questo non concordo, semmai il contrario, la Laurie era brava, ma la Moore è molto meglio, molto più inquietante secondo me.

    Per il resto diciamo che concordo, l'originale è ovviamente superiore, ma questa nuova versione della Peirce non l'ho trovata così oscena come tutti dite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non è piaciuta proprio, eh no, per quanto riguarda Piper Laurie, mi ha terrorizzata, Julianne Moore la volevo picchiare per quanto la sua presenza mi ha infastidita...

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.