Passa ai contenuti principali

Spring Breakers - Una vacanza da sballo

Ancora Harmony Korine, si il regista indipendente, apocalittico che con Gummo mi ha spalancato le porte del suo cinema, ma questo è il titolo che ho visto per primo, a mia discolpa lo ammetto, ma che film ha fatto? Mi è piaciuto un sacco, sapete perchè? Perchè nonostante sia mainstream, e ci sono autentiche starlette della tv, qui in versione gnocche trasgressive, è un suo film in tutto e per tutto.
La trama vede un gruppo di ragazze alle prese con lo spring Breaker, cioè vogliono partecipare a questa manifestazione, ma si trovano immischiate in vari casini, ma incontrano sulla loro strada un giovane salvatore che crea per loro una gang tutta al femminile nel quale contrabbandare droga.
Detto così sembra la solita tarantinata, ma è molto distante dal classico stile tarantiniano.
Per alcuni questo film è stato un tradimento al cinema che ha raccontato prima di questo titolo, per altri - come la sottoscritta - è stata una scoperta; bella o buona che sia, mi ha fatto scoprire un autentico talento cinematografico, il che non è poco non trovate?

Questo film colpisce, prima perchè da autentico provocatore Harmony Korine sceglie autentiche divette teen per un film dai toni forti e disturbanti, poi come protagonista maschile c'è un irriconoscibile James Franco nel ruolo del boss che si prende a cuore le ragazze per smerciare la sua droga, e qui il film deraglia verso toni più cupi e più drammatici.
Film lontanissimo dalle sperimentazioni indy degli esordi, che denota una certa maturità stilistica e cura nei dettagli, qui il budget è alto e lo si nota ma il marchio di fabbrica è ben saldo e presente.
La cosa che mi ha colpito è l'assoluta capacità di Korine di creare una storia a tratti quasi festaiola, per poi deviare in toni sempre dark, come se le protagoniste fossero alla ricerca dello sballo e del divertimento, per poi ritrovarsi in una discesa agli inferi in cui pare non siano capaci di uscire, anzi, la accettano così come si presenta, e cambia drasticamente le loro vite.
Una di loro, la più debole del gruppo, non appena carpisce il pericolo decide di tornare a casa, e sono le ultime tre a restare ed entrare nella gang.
Ovviamente non mancherà anche il casino iniziale per cui vengono salvate dal boss che le sceglierà per la sua gang.
In altre parole, un film provocatorio e allucinante, sballato, cupo, divertente e cazzeggiatore, con lo stile pungente e intrigante di Harmony Korine, devo forse dire di più?
Voto: 8


Commenti

  1. x me è na cagata immonda, una paraculata irritante e con il finale forse più ridicolo degli ultimi anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe, de gustibus a me cmq è piaciuto un sacco :D

      Elimina
  2. Filmone, che come tutti i grandi film controversi ha diviso il pubblico.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.