venerdì 21 marzo 2014

Karate Kid - Per vincere domani

Chi era pischello negli anni ottanta se lo ricorderà benissimo questo film, si il primo, unico inimitabile nonchè mitico per i ragazzi della mia generazione Karate Kid, si il film che ha lanciato Ralph Macchio come teen star per adolescenti negli anni ottanta, a guardarlo oggi sembra non aver perso lo smalto del tempo, lo vedevo all'epoca con mio fratello appassionato di arti marziali, durante le cene in famiglia, quando eravamo tutti uniti, e prima che i miei divorziassero...vabè ma questa è un altra storia in cui è inopportuno parlare qui, limitiamoci a parlare del film che è meglio.
Alloooora, eh si, il buon vecchio Ralph Macchio divenne un divo pop in quegli anni, coaudiuvato anche dall'attore orientale Noriuki "Pat" Morita nel ruolo del maestro che insegna a Daniel il karate, per sconfiggere la banda di teppisti che se lo sono messo sul naso, e così tramite metti la cera, e togli la cera, insegna le prime basi dell'arte marziale al ragazzo, che all'inizio sembra sconcertato, ma poi l'insegnante fa capire che la cera, era una scusa per insegnargli le basi fondamentali del combattimento e allora il ragazzo capisce la lezione.

C'è anche una giovanissima Elizabeth Sue, ancora acerba ma che nel suo ruolo di fidanzatina di Daniel non sfigura affatto, anche se a dirla tutta il lavoro del regista è stato ottimo, perchè ha saputo raccontare di un ragazzo, che si affaccia alla vita, fa le sue prime scoperte e capisce che deve lottare contro una squadra che vuole fargli il mazzo, si imbatte nelle prime difficoltà della vita, e prova le prime emozioni sentimentali.
Con una trama così l'immedesimazione del pubblico è immediata, e anche le ragazze vengono colpite dalla classica love story, condita con l'action del film, il che non guasta mai.
Insomma Daniel è un po' tutti noi, ma non è il classico sfigato, è un ragazzo normale capace di pensare con la sua testa e di ragionare, anche se al primo appuntamento con la ragazza ci va accompagnato ancora dalla mammina, ma va bene così perchè bisogna anche capire che il percorso di crescita esige dei cambiamenti, che avverranno con la conoscienza del maestro di Karate, che gli farà "tagliare" per così dire il cordone ombellicare, facendolo crescere.
La lotta sarà ardua, anche se verrà giocata in una gara, in cui tutto verrà alla luce, e anche se subisce colpi a tradimento, Daniel dimostrerà di avere le palle e affrontare il nemico solo con gli insegnamenti del suo maestro, anche se l'avversario si dimostrerà un piccolo bastardino capace di "barare", ce la farà il nostro eroe a vincere la gara?
Questo film è un piccolo cimelio da collezionare, e per chi è stato ragazzino negli 80's non può non possederlo.
Voto: 7 e 1/2



4 commenti:

  1. rivisto anch'io di recente, è un film molto 80s però è invecchiato bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si sono daccordo pure io :) molto anni ottanta ma ancora capace di avvincere bisogna aggiungere :D

      Elimina
  2. Indimenticabile "togli la cera, metti la cera" ripreso nel Reboot con Jackie Chan e Jaden Smith con "Togli giubbotto raccogli giubbotto atteggiamento"... ahahahahahaha!!!

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...