Passa ai contenuti principali

The Counselor - Il Procuratore

Un avvocato si mette in società con uno spacciatore, ma ben presto finisce in un gioco più grande di lui, soprattutto quando la donna di questi si rivela più pericolosa di una virago, a peggiorare il tutto c'è un poco di buono che cerca di aprirgli gli occhi e una banda di malviventi che vogliono farla pagare al socio per colpa della sua donna.
Basterebbe la scena orgasmica di Cameron Diaz che "Scopa" la macchina del suo uomo a far salire la temperatura a chiunque, Ridley Scott, finalmente, gira un film dark, duro, incentrato su un pericolosissimo gioco, in cui i protagonisti sono uno più scaltro dell'altro, e in cui tutti nascondono qualcosa.
Eppure c'è qualcosa che non quadra, nonostante una regia efficace, e una trama interessante, sembra essere tutto perfetto per essere davvero intrigante, ma stiamo parlando di un film diretto da uno degli autori di maggior successo nella storia del cinema.

Il suo maggior difetto sta proprio nella troppa perfezione delle scene, delle immagini, senza lasciarsi andare a piccole imperfezioni che avrebbero impreziosito maggiormente la confezione, ma ammetto che il film non mi è dispiaciuto, anche se avvolte sembra essere lento e sfuggente.
La troppa patinatura cancella ciò che sarebbe stato un piccolo grande film, seppur imperfetto ma avrebbe avuto migliori chance dato che ha potenzialità pazzesche.
Brava Cameron Diaz in un ruolo dark, altrettanto bravi Michael Fassbender, ormai è uno dei miei attori feticcio diciamo, e Brad Pitt; Javier Bardem ci regala uno spacciatore che da solo cancella la scena ai primi due, e forse a tutti quanti, e per la prima volta da anni, un film senza Russell Crowe, evvai, ormai eletto ad attore feticcio dopo Il Gladiatore.
Il film non è un capolavoro, ma si fa apprezzare bene grazie alla sapiente regia di Ridley Scott, che anche con le patinature del caso, è capace di tenere alta l'attenzione dall'inizio alla fine.
Poi c'è il ruolo dark di Cameron Diaz che possiamo definire come la classica ciliegina sulla torta, cosa vogliamo di più da questo film? Dopotutto anche con certi piccoli difetti estetici, il film non è poi così male.
Voto: 7



Commenti

  1. oh mamma mia 7 a questo ABOMINIO di film???

    Scott ormai è bollito, questa è tra le pellicola più oscene degli ultimi anni

    RispondiElimina
  2. Concordo con myers....è davvero una delusione pur se da cast stellare...ma il film non decolla mai....forse la migliore parte è la fine...direi non piu' di 5

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai, la costruzione del film è incentrata su un crescendo in cui la fine è proprio la catarsi di tutto...è imprescindibile, Scott crea una tensione in cui lo spettatore non capisce tutto subito, ma alla fine avviene l'esplosione di tutta la verità che lascia di sasso :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.