Passa ai contenuti principali

The Wolf of Wall Street

Torna la coppia Scorsese/Di Caprio con un film tratto da una storia realmente accaduta, tratto dall'autobiografia di Jordan Belfort, accusato di frode per aver imbrogliato gli acquirenti delle sue azioni a Wall Street, eh si, il film è ambientato a Wall Street, tempio dell'avidità americana, dove contano solo i soldi, e così il nostro si lascia andare agli eccessi più sfrenati mentre spolpa i suoi ignari acquirenti.
Aiutato da una banda di falsi sfigati, che si rivelano molto più avidi di lui, dopo il licenziamento da una agenzia "seria" si mette in giro e cerca un altra agenzia, e la trova, e apparentemente sembra una agenzia che non può dargli futuro, ma sotto sotto, grazie a tecniche di inganno si rivela la gallina dalle uova d'oro, così comincia la sua scalata al successo, in poco tempo diventa ricchissimo, e comincia a consumare sesso, droga, eccessi vari fino alla fine, in cui fa una chiara scelta egoistica per salvarsi il culo...

Un film forte, voluto fortissimamente da Leonardo Di Caprio che lo ha anche coprodotto insieme a Martin Scorsese, con cui prosegue il fortunato sodalizio cinematografico, non lascia certo indifferenti, e si capisce sin dalle prime scene che siamo di fronte a uno dei migliori film di Scorsese, il cui stile prende un po' quello dei suoi bravi ragazzi, ma qui non siamo nella New York dei gangster, anche se i nostri broker si comportano un po' come loro, sono avidi sfacciati, insaziabili di denaro e sesso, farebbero qualsiasi cosa per il denaro QUALSIASI, anche vendere azioni truffa che ingannano gli ingnari polli che le comprano tutte e si ritrovano praticamente in mutande, e non solo, comprano pure le compagnie delle azioni vere e quintuplicano il loro capitalismo.
Si questo è il capitalismo bellezza, e per i soldi si fa tutto non si possono avere scrupoli o guardare in faccia gli esseri umani, questo è un mondo in cui conta soltanto essere ricchissimi e fare soldi, non conta più niente.
Martin Scorsese qui ci da dentro e parechio, e Leonardo Di Caprio, che può essere considerato il suo attore feticcio e anche alter ego ormai, si aggiunge, impersonando il film come non lo si vedeva fare da tanto tempo.
Sesso, droga e denaro, un film del genere non poteva certo vincere la statuetta, ma la qualità trascende la vittoria dell'oscar, è sempre stato così, e menomale che il film ha una regia robusta e con le palle, nelle mani di un principiante sarebbe stato magari come la pallida copia di Wall Street, altro capolavoro di Oliver Stone, ma il grande Marty se ne discosta, e fa bene, qui parliamo di avidità, sesso e denaro, una vita di eccessi fatta arricchendosi sulle spalle dei cittadini che inseguono anche loro la ricchezza, e lui è così bravo da farne persino una critica sull'avidità e sulla ricerca di essere qualcuno in un mondo di perdenti.
Una chiara analisi sul male oscuro del capitalismo, che è stato la fortuna e la maledizione dell'america, un altra espressione del sogno americano fatto a pezzi, da un grandissimo autore che riesce ancora  a sorprendere.
Voto: 10








Commenti

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.