Passa ai contenuti principali

A proposito di Davis

Signore e signori, ecco a voi l'ultimo capolavoro dei fratellini Coen, finalmente alla fabbrica ecco recensita l'ultima fatica dei mitici fratellini di Minneapolis tutta per voi.
E' un film particolare diverso da quelli a cui ci hanno abituato, ma pur sempre un grande film.
Questa volta la protagonista è la musica folk, nata tradizionalmente negli stati uniti, la trama del film è incentrata su Llewyn Davis, interpretato da Oscar Isaack, che dopo il suicidio del suo partner musicale passa un periodo di crisi artistica e personale, il suo disco non vende e lui ha perso quasi l'entusiasmo per la musica.
Per i Coen l'unica vera musica è la folk, e ci scrivono un intero film, realizzato con grandissima ispirazione, tanto da far credere allo spettatore di entrare nel film, e di essere parte della storia con i personaggi, non sono molti i film musicali che ti danno questa sensazione.
La capacità dei Coen, questa volta sta anche nel misurarsi in qualcosa di insolito e di diverso dal loro stile, e si concentrano su un opera che nelle mani di qualcun'altro magari non avrebbe avuto lo stesso livello, vincendo la loro sfida.
Un ritratto musicale ispirato da Dave van Ronk cantante folk anni sessanta.
Llewyn Davis è un artista alla ricerca di se stesso, della scintilla che gli serve per ricominciare dopo la perdita del suo collega, per suicidio, un uomo che deve fare i conti con la sconfitta, e con la rinascita, rappresentate dalla poca fiducia che ha nella musica - il suo nuovo disco non sta vendendo molto - e al ritrovamento della scintilla per continuare.
Ogni musicista deve fare i conti con l'ascesa, la caduta e la rinascita, con le sconfitte e i successi della vita, i processi sono molteplici, e quando c'è la musica a parlare, la cosa diventa molto più toccante.
Un film che parla di musica, d'amore per l'arte come non se ne vedevano da tanto tempo, e solo i fratellini che con questo film si riconfermano grandi autori cinematografici, hanno dato un impronta più che unica, grandiosa, si perchè A Proposito di Davis è uno dei migliori film dell'anno, magari non entra subito nel sangue, ma piano piano cresce di intensità, infatti io voglio vederlo un altra volta per carpirlo alla grande.
Voto: 8


Commenti

  1. non mi ha preso, ma si vede bene.
    non c'è stata empatia, ecco.
    forse è che dai Coen ho visto cose che mi hanno preso così tanto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh capita, certi film per carpirli bisogna vederli tante volte :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.