Passa ai contenuti principali

La Vita di Adele

Ok Bando alle ciance, e prima dello special Club Silencio che arriverà subito dopo questa recensione, contravvenendo alle mie regole per recensire film, mi accingo a recensire l'opera di Kechiche vincitrice della palma d'oro all'ultimo festival di Cannes.
Un film che colpisce, ma soprattutto un opera che cattura nel profondo, in maniera del tutto differente dai soliti film d'amore o che raccontano il percorso di maturità; protagonista un adolescente, alle prese con la scoperta di se e della propria sessualità.
Ora con uno sguardo maschile il film potrebbe sembrare Voyeristico, e in parte c'è questa pecca, ma se fosse stato diretto da una donna, magari lo sguardo sarebbe stato molto differente, fermo restando che anche io essendo etero sono rimasta colpita dalle scene erotiche piuttosto spinte, eppure non c'è assolutamente niente di scabroso, perchè l'amore e soprattutto i sentimenti e le sensazioni sono quelle, è inutile divagarsi in critiche che vanno aldilà della realtà; ovviamente possono non piacere, e sinceramente a me vedere rappresentato l'amore di queste due ragazze non ha dato fastidio, tutt'al più mi avrà colpito per il suo essere esplicito anzi lo è fin troppo, ma se dobbiamo confrontare i tanti filmetti che escono questo a differenza è un capolavoro.

Un grande film che non lascia indifferenti, un viaggio alla scoperta di se stessi, delle nostre paure, dei nostri timori, quanti ne abbiamo avuti da ragazzini? Poi la scoperta di un amore per una ragazza, la passione, l'abbandono, tutti raccontati con meticolosa perspicacia, insomma non è certo un film che si dimentica facilmente, ci credo che abbia vinto il premio più importante a Cannes, perchè per la sua sincerità e freschezza risulta un opera limpida e non edulcorata, ti entra nel profondo, perchè i sentimenti che vedi sono puri e veri, posso anche capire il risentimento dell'autrice del romanzo a fumetti da cui il film è tratto, perchè certe volte lo sguardo di un regista è molto diverso dallo sguardo di chi ha scritto l'opera da cui il film è tratto, perchè prima di tutto sono due visioni diverse della stessa storia, magari dal punto di vista femminile il romanzo non è così voyeristico, anche se sinceramente non ci ho visto niente di gratuito, anzi semmai è tutto il contrario.
Le due protagoniste sono bravissime nell'esprimere i loro sentimenti e i loro dubbi, viene facilissimo identificarsi con loro, Léa Seydoux, che è la protagonista di un film che a breve recensirò, La Bella e la Bestia con cui ha recitato con Vincent Cassell attore che apprezzo molto, è Emma, una studentessa della scuola d'arte e pittrice con cui Adele intreccia una relazione dopo averla incontrata in un bar gay, ma la storia tra le due ragazze è destinata a naufragare, non appena intraprendono strade differenti e incrociano persone diverse.
Abdel Kechiche regista tunisino mi ha piacevolmente sorpresa, perchè con un film che parla di ragazzi è riuscito a fare entrare nel mondo intimidito di una adolescente persino me che l'ho visto, e al giorno d'oggi è cosa più unica che rara. Cercherò altri film che ha fatto sicuramente.
Da vedere assolutamente.
Voto: 8



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.