Passa ai contenuti principali

La Vita di Adele

Ok Bando alle ciance, e prima dello special Club Silencio che arriverà subito dopo questa recensione, contravvenendo alle mie regole per recensire film, mi accingo a recensire l'opera di Kechiche vincitrice della palma d'oro all'ultimo festival di Cannes.
Un film che colpisce, ma soprattutto un opera che cattura nel profondo, in maniera del tutto differente dai soliti film d'amore o che raccontano il percorso di maturità; protagonista un adolescente, alle prese con la scoperta di se e della propria sessualità.
Ora con uno sguardo maschile il film potrebbe sembrare Voyeristico, e in parte c'è questa pecca, ma se fosse stato diretto da una donna, magari lo sguardo sarebbe stato molto differente, fermo restando che anche io essendo etero sono rimasta colpita dalle scene erotiche piuttosto spinte, eppure non c'è assolutamente niente di scabroso, perchè l'amore e soprattutto i sentimenti e le sensazioni sono quelle, è inutile divagarsi in critiche che vanno aldilà della realtà; ovviamente possono non piacere, e sinceramente a me vedere rappresentato l'amore di queste due ragazze non ha dato fastidio, tutt'al più mi avrà colpito per il suo essere esplicito anzi lo è fin troppo, ma se dobbiamo confrontare i tanti filmetti che escono questo a differenza è un capolavoro.

Un grande film che non lascia indifferenti, un viaggio alla scoperta di se stessi, delle nostre paure, dei nostri timori, quanti ne abbiamo avuti da ragazzini? Poi la scoperta di un amore per una ragazza, la passione, l'abbandono, tutti raccontati con meticolosa perspicacia, insomma non è certo un film che si dimentica facilmente, ci credo che abbia vinto il premio più importante a Cannes, perchè per la sua sincerità e freschezza risulta un opera limpida e non edulcorata, ti entra nel profondo, perchè i sentimenti che vedi sono puri e veri, posso anche capire il risentimento dell'autrice del romanzo a fumetti da cui il film è tratto, perchè certe volte lo sguardo di un regista è molto diverso dallo sguardo di chi ha scritto l'opera da cui il film è tratto, perchè prima di tutto sono due visioni diverse della stessa storia, magari dal punto di vista femminile il romanzo non è così voyeristico, anche se sinceramente non ci ho visto niente di gratuito, anzi semmai è tutto il contrario.
Le due protagoniste sono bravissime nell'esprimere i loro sentimenti e i loro dubbi, viene facilissimo identificarsi con loro, Léa Seydoux, che è la protagonista di un film che a breve recensirò, La Bella e la Bestia con cui ha recitato con Vincent Cassell attore che apprezzo molto, è Emma, una studentessa della scuola d'arte e pittrice con cui Adele intreccia una relazione dopo averla incontrata in un bar gay, ma la storia tra le due ragazze è destinata a naufragare, non appena intraprendono strade differenti e incrociano persone diverse.
Abdel Kechiche regista tunisino mi ha piacevolmente sorpresa, perchè con un film che parla di ragazzi è riuscito a fare entrare nel mondo intimidito di una adolescente persino me che l'ho visto, e al giorno d'oggi è cosa più unica che rara. Cercherò altri film che ha fatto sicuramente.
Da vedere assolutamente.
Voto: 8



Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.