Passa ai contenuti principali

La casa Muta

Ecco a voi un piccolo e onesto esercizio di stile, capace di incatenarti alla poltrona, e non darti l'illusione di stare assistendo al solito horror pecoreccio.
All'inizio credevo di assistere al solito e odiatissimo reality horror, invece mi sono ricreduta, certo non è un capolavoro, e non lo sarà mai ma mi ha fatto passare un ora e passa ad alta tensione, e di questi tempi è cosa più unica che rara.
Tornando a noi, e alla recensione di oggi, inquietante, lugubre non si capisce che strada prende, perchè il regista è capace di atterrire lo spettatore portandolo fuori strada, e quando tu credi di aver capito ti devi ricredere, perchè niente è come appare, e cosa fondamentale, sa giocare bene le sue carte e scusate se è poco.

Ci troviamo dalle parti dell'horror claustrofobico, ricchissimo di colpi di scena, il film è un lunghissimo piano sequenza in cui tutto accade, senza che lo spettatore intuisca cosa sta per accadere, un gioco ad incastri intelligente e audace direi, seppur imperfetto ha qualcosa che lo eleva dai soliti horror senza arte ne parte, l'audacia del regista che sa giocare con il suo pubblico.
Si trovano comunque i difetti, una approssimazione perspicace verso la storia, scene senza dialoghi e avvolte silenzi prolungati possono indurre lo spettatore ad annoiarsi, ma come dico sempre io anche nella scena apparentemente senza significato si nasconde un suo perchè.
Avvolte si ha l'impressione di stare guardando qualcosa senza senso, ma poi ti accorgi che è il regista che sapientemente gioca nella sua scacchiera e ti sfida - furbacchione hehehe - come fose una prova di resistenza tra il film e lo spettatore, vediamo se resisti fino al finale, io ho resistito, e nonostante ci sono stati momenti che avrei mandato al diavolo il regista, ho capito a carte scoperte che la sua era una tattica per avvilupparmi, in conclusione un film imperfetto che si salva grazie all'audacia del suo autore.
Voto: 6


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.