Passa ai contenuti principali

The Butler - Un maggiordomo alla casa bianca

Lee Daniels torna al cinema, e lo fa con una pellicola che racconta la storia di un maggiordomo di colore che ha lavorato per anni alla casa bianca.
No, non è uguale a 12 Anni Schiavo, non ha la stessa drammaticità della pellicola di Steve McQueen, che resta sempre migliore di questa, eppure si respira una certa atipicità, in pratica è la storia di un uomo che per anni ha obbedito ai suoi padroni bianchi, perchè semplicemente è stato educato a farlo così; nonostante abbia visto il padre morire per mano di un bianco e nonostante il figlio apre gli occhi sulla realtà e combatte per i diritti della gente di colore, e si scontra con lui, nonostante questo resta al suo posto.
Le conseguenze sono una paga molto più bassa rispetto ai bianchi, e non ci vuole molto a capire il grado razzistico di certi uomini politici che "a parole" decantano diritti umani, ma  a conti fatti ognuno segue il proprio tornaconto e i propri pregiudizi.

Il film resta comunque il classico prodotto da oscar, nè più e nè meno, e proprio quest'anno, che ha trionfato la pellicola di McQueen la tematica sembra essere proprio la grande piaga d'america: il razzismo.
Ci sono sempre grandi e piccoli film, questo ad esempio, seppur piacevole e interessante a vedersi, è manieristico, infarcito di sentimentalismi costruiti per rendere il prodotto appetibile per l'academy, un po' di critica e autocritica mischiata con un pizzico di provocazione lo avrebbe reso un piccolo capolavoro.
Resta comunque un bel film, che con tutti i suoi pregi e difetti non sfigura affatto, anche se a differenza di tante pellicole sull'argomento, non aggiunge nulla di nuovo.
Bravo come sempre Forest Whitaker, che ci regala un personaggio unico, e rende il film degno di essere visto, gli fa eco un nutrito cast di attori di colore, tra cui figura un redivivo Cuba Gooding Jr ancora recita? Attore che sembrava ormai relegato in ruoli minori in pellicole insignificanti, il musicista Lenny Kravitz e la cantante Mariah Carey.
Il ruolo della moglie del maggiordomo va a Ophrah Whinfrey, che torna a recitare dopo il bellissimo e sconvolgente Il colore viola di Spielberg.
In sostanza, un film che passa e va, come bere un bicchiere di acqua frizzante, pieno di buoni sentimenti verso la gente di colore, che colpiscono ma che non rimangono ahimè nella memoria, colpa di clichè abbastanza stereotipati, e buoni per partecipare alla notte degli oscar, glamour quanto basta, ma non se si vuole fare un capolavoro degno di questo nome.
Voto: 6


Commenti

  1. Non mi aveva mai convinta più di tanto l'uscita di questo film, soprattutto dopo averne sfornato un altro sulla stessa tematica, e poi firmato McQueen. Lo vedrò poi, ma immagino già che le mie sensazioni saranno molto simili alle tue sopra esposte. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, io credo che 12 anni schiavo a confronto è un grande film :)

      Elimina
  2. Mah, non mi aveva fatto impazzire. Troppa carne al fuoco e una sceneggiatura pluripremiata ma poco coesa, troppe guest star spesso sprecate. Peccato davvero perché ero partita con le migliori intenzioni! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si in effetti il film è troppo pompato, è troppo un prodotto costruito per gli oscar, non ha freschezza e leggerezza, è uno dei suoi difetti maggiori purtroppo :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.