Passa ai contenuti principali

I Sogni segreti di Walter Mitty

Quinta regia di Ben Stiller con un film delizioso e sincero, un piccolo film per così dire sui sogni di un uomo, uno sfigato che al lavoro non se lo fila nessuno, e nemmeno sul suo profilo di un sito per la ricerca dell'anima gemella non se lo fila nessuno, come trovare il coraggio di far capire agli altri il suo valore? Semplicemente avendo il coraggio di smetterla di sognare ad occhi aperti e rimboccarsi le maniche per realizzare i propri sogni.
Sulla prima sembra impossibile, ma Walter riuscirà a realizzarli, e a conquistare la ragazza di cui si è innamorato tramite internet, riuscirà anche a riscattarsi al lavoro?
Cosa possiamo dire, un film intelligente e unico, Ben Stiller dimostra di saper impostare un racconto semplice semplice ma incisivo, con una commedia romantica mai banale o scontata, diversa dalle altre, che mostra un uomo di cui lo spettatore si può identificare facilmente, perchè Walter Mitty siamo un po' tutti noi.

Il film è un viaggio alla ricerca di se stessi, e delle cose più importanti della vita, ovvero ciò che vogliamo veramente per una vita felice, cosa intendiamo costruire per la nostra vita, o il nostro futuro, il tutto raccontato con una poetica limpida che rasenta l'empatia, che è sottolineata anche da un  soggetto interessante e mai superficiale, una commedia romantica diversa dal solito.
Sinceramente ho visto tante commedie romantiche, ma mai intelligenti come questa, Ben Stiller è maturato moltissimo e lo si nota dalla sua regia schietta e attenta ai dettagli, il che lo innalza a piccolo grande film.
Un opera capace di fare riflettere e sognare nel modo in cui una persona cosidetta normale potrà fare anzichè presentare personaggi stereotipati come succede avvolte nelle commedie romantiche, che risultano avvolte forzate e prive di pathos e coinvolgimento.
Walter, nel suo essere sfigato è l'unico personaggio vero e sincero in mezzo ai suoi colleghi con la puzza sotto il naso, che risultano vuote e incentrate su un egoismo futile e meschino che rasenta la cattiveria.
Alla fine il nostro eroe ottiene molto di più di quello che cercava, lo volete sapere? Per saperlo non vi resta che guardare il film.
Tutti noi abbiamo fatto un viaggio alla ricerca di noi stessi, tutti quanti abbiamo per una volta nella vita fatto una domanda al nostro cuore su ciò che vogliamo veramente, e guardando questo film mi viene di pensare che non è affatto male scoprirsi dentro e sapere cosa vogliamo essere  o diventare.
Voto: 7



Commenti

  1. Un film che mi ha stupito molto per la delicatezza. Strano a dirsi per un lavoro di Stiller.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.