Passa ai contenuti principali

Orwell 1984

Il Grande Fratello è tra noi?
Sembrerebbe di si, a quanto racconta questo film tratto dal romanzo omonimo di George Orwell del 1950, che ipotizzava un futuro sotto le fauci di un Grande Fratello che tutto guarda e tutto osserva, rendendo l'uomo schiavo del partito, incapace di pensare, di amare, di sognare...
si direbbe un futuro apocalittico, ma che somiglia tanto a certe realtà insignite dell'uomo: la schiavitù della dittatura.
Di quaunque cosa si tratti l'uomo, senza il benestare del partito, non può stare nella società, via il pensiero, via il libero arbitrio, bisogna rispettare le regole, e chi le viola rischia di finire male.
Un futuro terribile che spiega talmente tante cose, ed oggi è talmente attuale da far venire i brividi. Perchè di qualunque cosa si tratti, da che mondo e mondo, l'uomo ha sempre tentato di sopraffare, più precisamente di dominare gli altri uomini con leggi stabilite e precise che violano ogni libertà che in una normalissima democrazia sarebbero vitali.

Cosa mangiare, come vestire, cosa leggere, cosa guardare, cosa è accettabile e cosa non lo è...sembra una follia lontana ma ci sono uomini che davvero vivono sotto un grande fratello vigile, il romanzo di Orwell sembra fantascienza ma non è mai stato così attuale, e il film di Michael Radford, ne traduce la triste realtà.
E se fossimo tutti dentro un grande fratello? Se vivessimo tutti dentro a quella cappa che osserva invisibile e noi non lo sappiamo?
Hehehe, quanti di noi se ne accorgerebbero? Quanti di noi si sveglierebbero e comincerebbero a pensare con la propria testa?
Nel film, come nel libro un uomo e una donna si ribellano a questa realtà e cominciano a vivere e a pensare con la propria testa, prendendosi la libertà di non dover sottostare alle rigide regole di partito, ma ovviamente questa scelta comporterà delle conseguenze.
Il tutto è ambientato nell'immaginario stato dell'Oceania, il cui protagonista Winston Smith, lavora al ministero della verità e il suo compito è quello di riscrivere la storia secondo i dettami del partito; nello stesso tempo però, affida i suoi pensieri a un diario segreto commettendo lo psicoreato, ovvero il delitto di eterodossia, che il regime combatte con il controllo di nuove forme di linguaggio che vengono cancellate.
Allo stesso tempo si innamora ricambiato di Julia, che incontra segretamente in una stanza dove nessuno può controllarli.
Con un pretesto O'Brian da a Winston un testo da fargli leggere dove gli uomini che resistono alle leggi del partito, trovano risposte nel partito stesso, ma è solo una scusa per vedere se c'è qualcosa sotto, detto in parole più semplici per controllarlo meglio.
Infatti una volta scoperti da una guardia, i due amanti vengono condotti separatamente nel ministero dell'amore e "riprogrammati" con una serie di torture volte a farli pentire dei loro pensieri, e delle loro azioni, alla fine Winston è incaricato di andare nella stanza 101, che è il luogo dove c'è la sua più grande paura, una gabbia di ratti, alla sola vista l'uomo nega l'amore per Julia; alla fine, i due si ritrovano ma del loro amore non v'è più traccia...perduto dentro i meandri del grande fratello.
Un film lacerante, a sua volta remake di un altro film del 1956, Nel 2000 non sorgerà il sole sempre tratto dal romanzo fantapolitico di Orwell, questo invece è l'ultimo film interpretato da Richard Burton.
Non ho letto il romanzo, e non ho visto nemmeno la prima pellicola, posso sicuramente dire che questo film mi ha colpita positiviamente, soprattutto per la capacità del regista di andare in fondo alla storia, e raccontare come sarebbe la vita vista nel romanzo di Orwell, creando l'universo come l'autore lo ha visto, ed è raccapricciante la capacità di dominazione dell'uomo verso i suoi simili, dove non c'è libertà c'è soltanto schiavitù.
Tanto attuale oggi, da fare accapponare la pelle.
Pur non essendo un capolavoro fa riflettere molto su tante cose, tra le quali, la capacità di una "classe" di controllare il pensiero, le azioni, cancellando di fatto il libero arbitrio...fa paura una società così, senza alcun dubbio.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.