Passa ai contenuti principali

Kids

Strana cosa la censura.
Il cast del film è composto da ragazzi minorenni, ma il film lo possono vedere solo i maggiorenni...
perchè?
Vallo a chiedere a chi si occupa di censura, eppure questo film scritto dal giovanissimo (allora) Harmony Korine è di una sincerità disarmante.
Primo perchè i protagonisti sono ragazzini i cui unici interessi sono fancazzismo e scopare, con chiunque, anche se si trattasse di avere rapporti a rischio con il pericolo dell'Aids c'è poco da stare sereni, il tema del film è questo, e come nelle migliori tradizioni del cinema indipendente americano, colpisce fino in fondo.
Quando Larry Clark affida lo script a Korine le cose sono sempre di un altro livello.
Questo film è un cult, ma più che cult è un capolavoro, potrebbe incrociarsi con questi due aggettivi volendo, e farebbe si che fosse un capolavoro cult hahaha, scusate il giro di parole, ma ci siamo, in pratica è un film che parla di ragazzi alle prese con i rapporti occasionali.
Quello che colpisce maggiormente è però l'assenza totale degli adulti, sembrano volatilizzati; così i nostri protagonisti oltre a cazzeggiare e scopare devono fare i conti con lo spettro dell'Aids, il chè è una gran brutta bestia non è vero?
Un film superbo, scritto da un ragazzo ma capace di colpirti come un pugno nello stomaco, non c'è solo il fancazzismo, ma c'è anche una spietata analisi su una gioventù allo sbando senza controllo, che tra una bravata e l'altra devono fare i conti con la vita e quella grande malattia con un piccolo nome.
Ritratto di un america malata e incomprensibile, un film così non poteva non fare scandalo, almeno sulla carta, io ci ho visto un opera interessante e incredibile, come non accadeva da tempo, questo signori miei è il grande cinema indipendente americano, un cinema tutto da scoprire.
di Harmony Korine sentirete parlare molto da queste parti, come anche di Clark, che quando si mettono in coppia sfornano dei veri e propri gioielli, avessi un figlio adolescente di sedici anni, glielo farei vedere questo film, in barba al divieto ai minori di 18 anni.
Voto: 8



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.