Passa ai contenuti principali

Il Grande Match

Billy "The Kid" e Henry "Razor" sono sempre stati due pugili in competizione tra loro, almeno sul ring, ma nella vita sono sempre stati amici, fino a quando non si innamorano della stessa donna Sally Rose e allora se le suonano sul ring, solo che Billy vuole la rivincita, ma non sa di aver avuto un figlio da quella donna, che nel frattempo sceglie finalmente a chi vuole dare il suo cuore...


Questo film segna tre ritorni, il primo Robert De Niro e Sylvester Stallone che interpreano due pugili, il secondo è di nuovo i due attori che recitano insieme, e il terzo il ritorno di Kim Basinger vera e propria diva sexy anni ottanta sulle scene, dopo la lunghissima pausa alle scene.
Un film non propriamente ottimo ma sicuramente divertente, soprattutto per le scaramucce e le punzecchiate dei due protagonisti, il primo vuole la rivincità ma imparerà e otterrà molto di più dalla vita, ovvero una famiglia, il secondo, ormai mezzo cieco non intende ormai ricalcare le scene e fa da allenatore, la sua conquista sarà il cuore di Sally, la donna che si contendeva con il suo amico/nemico, e madre di suo figlio, che va a trovare Billy proprio per conoscerlo, e scoprire le sue radici.
Bello l'inizio, in cui i due protagonisti durante la registrazione di un videogioco se le suonano davvero rovinando tutto quanto per gli antichi rancori, in una battaglia senza esclusione di colpi, ma Billy non sa che il suo amico/rivale è cieco da un occhio, ma lui non glielo dice e il match porterà alla luce parecchi lati dei due uomini, lati che non conscevano ma che li uniranno ancora di più in un amicizia sincera e profonda.
Detto così sembra un filmetto, ma non lo è, pur non toccando i vertici del capolavoro o dell'ottimo film resta comunque un opera interessante e divertente, in certi momenti persino toccante, si veda il figlio che va a conoscere il padre e lo rimprovera in alcuni momenti, soprattutto quando lascia da solo il nipotino, oppure qunado gli fa capire che è suo figlio e non può fargli da padre, che è stato sbagliato andare via e tante altre cose, Kim Basinger dimostra una freschezza davvero senza età, e nonostante abbia avuto una carriera appannata ultimamente, la sua interpretazione è rinvigorita e brillante, si aspettano altri titoli della divina Kim, che dovrebbero uscire a breve.
In sostanza un film piacevole e per nulla banale, capace di intrattenere sulle cose fondamentali della vita, passa e va come si beve un bicchiere d'acqua fresca.
Voto: 6 e 1/2




Commenti

  1. Esatto: sembra un filmetto, probabilmente lo è, ma che centra tutti gli obbiettivi che si propone: un sano divertimento, non stupido, con una spruzzata di nostalgia e scene d'azione ben alternate a momenti più leggeri e riflessivi. Un buon prodotto medio godibilissimo e ben fatto. Di più non si poteva chiedere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.