Passa ai contenuti principali

Mary Shelley


Mary Shelley - Un Amore Immortale, sembrerebbe il classico biopic, invece il film si concentra sull'amore che legò l'autrice del capolavoro Frankenstein, al poeta Percy Shelley, all'epoca, sposato con una figlia quando incontra Mary è subito amore, ma lui è promisquo e donnaiolo, e il padre di lei non approva l'unione.
Mary scapperò con il suo amato, e la vita insieme nonostante i successi letterali, gli incontri con altri scrittori e via dicendo, si rivela difficile e sofferta a causa anche dei continui tradimenti di lui con altre donne, eompresa la sua migliore amica.
Nonostante tutto stanno sempre insieme, e questo porterà la moglie e la figlia di lui alla disperazione.

Attenzione, terreno minato.
Il rischio di incarpare in un opera melensa e stucchevole è alto, altissimo, e il film lo sfiora a malappena, restando sempre e comunque nella qualità del senza infamia e senza lode, non superando mai la sufficienza.
Questo per una serie di motivi che, limitano una qualità altissima a causa di alcuni accorgimenti che spingono fin troppo nel pedale del sentimentalismo, minando una qualità ben più alta e curata che supera il cosidetto film che potrebbe piacere solo a un pubblico di adolescenti.
Perché di questo si sta parlando.
Eppure nonostante l'età dei protagonisti, è un film che dovrebbe allontanarsi dal teen movie, proprio a causa della statura mastodontica dei protagonisti, che qui rimangono semplici macchiette che non vanno mai oltre la passione, l'amore, che li lega, limitando di molto l'empatia con gli spettatori.
Il film in poche parole, non coinvolge, e rimane ancorato dal fatto che il/la regista, vuole piacere solo e soprattutto ai ragazzini parlando di due scrittori giganteschi.
Non si può fare un film del genere per darlo in pasto ai ragazzini, in un film sentimentale voglio il coinvolgimento, il tragico, il sublime, non voglio guardare i due protagonisti che litigano perché l'uno tradisce l'altro, voglio appassionarmi alla storia, anche conoscere cosa c'è dietro il capolavoro di Mary, come è nato e via dicendo.
Invece questo film relega il tutto come se fosse una cosa superficiale, eh no...un romanzo non è mai e dico MAI superficiale, è parte di chi lo scrive, quindi doveva essere trattato come un tuttuno con la storia, divertenti i siparietti con Lord Byron, anche se avrei apprezzato di più una maggiore descrizione di questo grande autore, anche se rimaneva un personaggio di contorno.
Per quanto mi riguarda film non memorabile ma piacevole, senza troppe pretese.
Voto: 6






Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.