Passa ai contenuti principali

Il Discorso Del Re

Un film d'attori che si concentra solo sulla bravura dei suoi protagonisti che sono entrambi mattatori assoluti, Colin Firth, qui in splendida forma e un sempre grande Geffrey Rush, forse è per questo motivo che i membri dell'academy ne sono rimasti conquistati, eppure anche la sceneggiatura non è male scritta da David Seidler e basata sulla storia vera di Re Giorgio VI che diventa re, una volta che suo fratello Edoardo III abdica per sposare Wallis Simpson, l'incipt è qualcosa di fenomenale che solo un attore preparato sarebbe stato sinceramente naturale proprio come lo è Colin Firth, giustamente premiato con l'oscar, Albert duca di York deve pronunciare un discorso davanti a tutti persino al padre, ma nel momento più bello si blocca, non riesce a spiccicare parola, come rimediare al problema? Ci pensa sua moglie Elizabeth, (una bravissima Helena Bonham Carter) che si reca da un Terapeuta esperto in problemi di linguaggio, Lionel  Loughe, che piano piano, e superando la naturale reticenza del sovrano, riuscirà laddove in molti hanno fallito.
Film dallo stile impeccabile, forse anche troppo, e questo è uno dei limiti per ricalcare il famoso british style, e sembra costruito apposta per conquistare i membri dell'academy, è tutto nel tassello giusto, non manca nulla, eppure una leggera trasgressione sarebbe bastata per farne una pellicola interessante, ciònonostante, i duetti tra il re e Louge restano la cosa più godibile del film e che tiene lo spettatore incollato alla sedia finendo per divertirsi pure, resta il fatto che il lavoro del regista rimane in secondo piano, limitandosi a star dietro ai suoi attori e non esponendosi, non ha fatto altro che mettersi una maschera, dare il punto di vista per un regista avvolte è la chiave per fare un ottimo film, peccato, comunquesia resta una pellicola godibile, che si lascia vedere volentieri, tutto e solo grazie alla bravura dei protagonisti, tutto il resto è la stessa storia che conquista l'academy e basta.

Commenti

  1. ... è tutto nel tassello giusto, non manca nulla, eppure una leggera trasgressione sarebbe bastata per farne una pellicola interessante.
    è un appunto breve che rende tutto ;-)

    RispondiElimina
  2. eh già, bastava una trasgressione alla regola e il film sarebbe stato grande, ma va bene...si vede che doveva essere impacchettato così poveri attori che si vedono costretti a sostenere tutto un film solo con il loro talento.

    RispondiElimina
  3. tutto troppo freddo per i miei gusti...
    preferisco il british style attuale, più imperfetto ma anche più umano

    RispondiElimina
  4. Concordo in pieno con quel che hai detto. Il film è ben curato ma la bravura degli attori e la distaccata, seppure quasi impeccabile, regia sono due elementi in contrasto fra loro. Bravissimi i due attori protagonisti. Grande delusione per l'Oscar che, fra i film nominati, a mio parere, andava al Cigno Nero (che capolavoro non è!)

    RispondiElimina
  5. già, era migliore di questo film ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.