Passa ai contenuti principali

Il Discorso Del Re

Un film d'attori che si concentra solo sulla bravura dei suoi protagonisti che sono entrambi mattatori assoluti, Colin Firth, qui in splendida forma e un sempre grande Geffrey Rush, forse è per questo motivo che i membri dell'academy ne sono rimasti conquistati, eppure anche la sceneggiatura non è male scritta da David Seidler e basata sulla storia vera di Re Giorgio VI che diventa re, una volta che suo fratello Edoardo III abdica per sposare Wallis Simpson, l'incipt è qualcosa di fenomenale che solo un attore preparato sarebbe stato sinceramente naturale proprio come lo è Colin Firth, giustamente premiato con l'oscar, Albert duca di York deve pronunciare un discorso davanti a tutti persino al padre, ma nel momento più bello si blocca, non riesce a spiccicare parola, come rimediare al problema? Ci pensa sua moglie Elizabeth, (una bravissima Helena Bonham Carter) che si reca da un Terapeuta esperto in problemi di linguaggio, Lionel  Loughe, che piano piano, e superando la naturale reticenza del sovrano, riuscirà laddove in molti hanno fallito.
Film dallo stile impeccabile, forse anche troppo, e questo è uno dei limiti per ricalcare il famoso british style, e sembra costruito apposta per conquistare i membri dell'academy, è tutto nel tassello giusto, non manca nulla, eppure una leggera trasgressione sarebbe bastata per farne una pellicola interessante, ciònonostante, i duetti tra il re e Louge restano la cosa più godibile del film e che tiene lo spettatore incollato alla sedia finendo per divertirsi pure, resta il fatto che il lavoro del regista rimane in secondo piano, limitandosi a star dietro ai suoi attori e non esponendosi, non ha fatto altro che mettersi una maschera, dare il punto di vista per un regista avvolte è la chiave per fare un ottimo film, peccato, comunquesia resta una pellicola godibile, che si lascia vedere volentieri, tutto e solo grazie alla bravura dei protagonisti, tutto il resto è la stessa storia che conquista l'academy e basta.

Commenti

  1. ... è tutto nel tassello giusto, non manca nulla, eppure una leggera trasgressione sarebbe bastata per farne una pellicola interessante.
    è un appunto breve che rende tutto ;-)

    RispondiElimina
  2. eh già, bastava una trasgressione alla regola e il film sarebbe stato grande, ma va bene...si vede che doveva essere impacchettato così poveri attori che si vedono costretti a sostenere tutto un film solo con il loro talento.

    RispondiElimina
  3. tutto troppo freddo per i miei gusti...
    preferisco il british style attuale, più imperfetto ma anche più umano

    RispondiElimina
  4. Concordo in pieno con quel che hai detto. Il film è ben curato ma la bravura degli attori e la distaccata, seppure quasi impeccabile, regia sono due elementi in contrasto fra loro. Bravissimi i due attori protagonisti. Grande delusione per l'Oscar che, fra i film nominati, a mio parere, andava al Cigno Nero (che capolavoro non è!)

    RispondiElimina
  5. già, era migliore di questo film ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.