Passa ai contenuti principali

Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare

E ritornano le avventure dei pirati dei caraibi, per il terzo capitolo dovranno trovare la fonte dell'eterna giovinezza, e Jack Sparrow, personaggio ormai divenuto icona da un Johnny Depp ormai simbolo del cinema mainstream, con la sua ciurma dovrà realizzare la sua ennesima impresa e avventura questa volta scortato dalla sensuale bellezza di una sua antica fiamma, Angelica, che deve aiutare suo padre vittima di un antica maledizione.
La Regia di Rob Marshall dona nuova luce al prodotto, ma non lo rinnova, comunquesia il film che pur essendo un quarto episodio svecchia la serie, e ci riesce molto bene direi, ormai è il solito franchise preconfezionato dalle majors, che nonostante riesce a catturare lo spettatore lascia un sapore stantio, soprattutto per quanto riguarda la recitazione degli attori, se da un lato il cast tecnico fa un buon lavoro, quello degli attori è ormai stanco, stanco di indossare gli stessi panni, Johnny Depp su tutti non è in forma, e lo si nota parecchio che ormai i vestiti di Jack Sparrow gli stanno stretti, ormai lui a quasi cinquant'anni interpreta un personaggio disney per bambini, è molto lontano dal Johnny Depp che rischiava da giovane e sceglieva i ruoli col cuore, dandoci l'anima e un profilo recitativo di tutto rispetto, ed è proprio questo Johnny Depp che mi manca, quell'attore capace di fregarsene della fama e del successo pur di interpretare film, l'attore, l'interprete e l'artista che era una volta, e che ormai è divenuto l'ombra dell'attore che ho conosciuto e ammirato, Penelope Cruz è la novità di questo episodio, e nonostante cerchi di dare il meglio di se, si nota una certa fatica per sostenere un film da sola, quello che se magna tutti quanti è ovviamente Geffrey Rush, che non perde mai la sua bravura in nessun film.
Un film divertente, nonostante tutto, nonostante la nota dolente su Johnny Depp, sperando che scelga copioni migliori incrocio le dita nell'attesa, se ve lo volete vedere vedetevelo, però non è che sia memorabile  eh? Tanto per passare il tempo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.