Passa ai contenuti principali

Clockers

Martin Scorsese rinuncia a dirigere Clockers e dietro la macchina da presa chiama Spike Lee, film ingiustamente snobbato al botteghino ma che risulta essere una chicca per cinefili, Scorsese ovviamente produce.
Il mondo è quello degli spacciatori di crack, chiamati clockers e delle persone che gravitano attorno a loro, il protagonista è Ronald detto Strike, che lavora per Rodney Little, proprietario di un negozio in cui gestisce sottobanco il traffico di droga, le cose si complicano quando a Strike, per promozione gli viene offerto il lavoro di uccidere il gestore di un fast food che fa la cresta a Rodney, e sarà Victor fratello di Strike ad autoaccusarsi dell'omicidio, ma a differenza di Strike Victor è un uomo onesto, con un lavoro pulito e famiglia, nessuno crede a Victor sospettando che voglia coprire il fratello, ma è davvero così?
Le cose diventano ancora più difficili quando un bambino si unisce a strike prendendolo come modello, sia di comportamento sia per quello che fa come spacciatore, ed ecco che qui per Strike le cose cominciano a modificarsi anche perchè la madre del bambino non vuole assolutamente che il figlio stia accanto a Strike, per non rovinarlo e ha tutte le ragioni, quel bambino sarà per lui un motivo in più per rivedere la sua vita, se in un primo momento lo prende sotto la sua ala, poi decide dopo che la madre lo minaccia di allontanare il bambino da lui e dal suo mondo, di non fargli prendere la sua stessa strada, e di salvarlo in un certo senso, ma il bambino non ascolterà nessuno dei due, nè la madre nè Strike, fino a quando per proteggere Strike commetterà un omicidio davanti a tutti, ma è solo una conseguenza di ciò che ha scelto.
Tratto dal romanzo di Richard Price, e diretto magistralmente da Spike Lee, il film è una critica spietata al mondo gangsta rap imperniato di droga e violenza di alcune persone di colore e sottolinea le loro contraddizioni, avvolte ci sono anche persone di colore oneste, che studiano e mettono su famiglia, e viene sottolineato anche dal rifiuto della famiglia di Strike di rifiutare i suoi soldi per fare uscire Victor dal carcere, perchè non sono soldi sudati, ma soldi guadagnati con il sangue di tante persone, quindi è giusto rifiutare, ma è anche onesto, alla fine sarà proprio la madre di Strike a chiarire chi è effettivamente l'omicida, di più non dico per non rovinarvi la sorpresa, comunquesia il film è supportato da un cast di eccezzionale bravura tra cui spicca Delroy Lindo, Harvey Keitel e John Turturro, quest'ultimo presenza quasi fissa nei film del regista afroamericano.
ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE.

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.