Passa ai contenuti principali

He Got Game

Un film intenso, toccante. Spike Lee dirige nel '98 He got Game e come protagonista c'è Denzel Washington: uno degli attori che hanno lavorato con lui diverse volte. Da Mo Better Blues fino a Malcolm X. E' la storia di un padre che è finito in galera per aver ucciso accidentalmente la moglie, e per aiutare il figlio ad andare in una università, il direttore gli fa una proposta: aiutare il figlio ed accontentare così il governatore che è un gran tifoso del basket, così per farlo uscire il direttore gli da del cibo avariato, in modo da rendere più facile e legale la sua uscita. Dopo, deve riallacciare il suo rapporto con i figli che non sarà affatto facile. Nel frattempo si innamora di una prostituta continuamente malmenata dal suo pappone...
Uno dei migliori film di Spike Lee senza dubbio, che qui concentra l'attenzione sul rapporto genitori figli,  e sul mondo familiare che viene sconvolto da un incidente - involontariamente uccide la moglie durante una discussione - quello causerà il suo arresto per omicidio preterintenzionale. Grandissimo come sempre Denzel Washington, Spike Lee crea un personaggio con cui nasce un empatia, facendo in modo che non lo giudichi superficialmente, ma cercando di farci capire le sue motivazioni, con sguardi attraverso la sua vita quando c'era la moglie; con la sua famiglia; i suoi figli che all'inizio non vogliono avere rapporti con lui, specialmente Jesus il ragazzo che alla fine accetterà l'offerta del padre attraverso anche l'amore per la prostituta. Qui due vite si trovano a confronto, lo stesso accade con Jesus e la sua ragazza, che fa sesso con persone che possono aiutare Jesus nella sua carriera di giocatore, ma è soprattutto il lato umano che colpisce maggiormente lo spettatore. Attraverso i rapporti coi figli che piano piano migliorano, soprattutto quello tra Jesus e suo padre, che si capiranno e alla fine lo perdonerà e accetterà l'offerta dell'università. Alla fine Jake (Washington) scoprirà che si è trattato tutto di un imbroglio, ma l'importante è che il governatore è stato accontentato no?
Un ottimo film consigliatissimo sia a chi piace Spike Lee che a chi si appresta ad approfondirlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.