domenica 4 settembre 2011

He Got Game

Un film intenso, toccante. Spike Lee dirige nel '98 He got Game e come protagonista c'è Denzel Washington: uno degli attori che hanno lavorato con lui diverse volte. Da Mo Better Blues fino a Malcolm X. E' la storia di un padre che è finito in galera per aver ucciso accidentalmente la moglie, e per aiutare il figlio ad andare in una università, il direttore gli fa una proposta: aiutare il figlio ed accontentare così il governatore che è un gran tifoso del basket, così per farlo uscire il direttore gli da del cibo avariato, in modo da rendere più facile e legale la sua uscita. Dopo, deve riallacciare il suo rapporto con i figli che non sarà affatto facile. Nel frattempo si innamora di una prostituta continuamente malmenata dal suo pappone...
Uno dei migliori film di Spike Lee senza dubbio, che qui concentra l'attenzione sul rapporto genitori figli,  e sul mondo familiare che viene sconvolto da un incidente - involontariamente uccide la moglie durante una discussione - quello causerà il suo arresto per omicidio preterintenzionale. Grandissimo come sempre Denzel Washington, Spike Lee crea un personaggio con cui nasce un empatia, facendo in modo che non lo giudichi superficialmente, ma cercando di farci capire le sue motivazioni, con sguardi attraverso la sua vita quando c'era la moglie; con la sua famiglia; i suoi figli che all'inizio non vogliono avere rapporti con lui, specialmente Jesus il ragazzo che alla fine accetterà l'offerta del padre attraverso anche l'amore per la prostituta. Qui due vite si trovano a confronto, lo stesso accade con Jesus e la sua ragazza, che fa sesso con persone che possono aiutare Jesus nella sua carriera di giocatore, ma è soprattutto il lato umano che colpisce maggiormente lo spettatore. Attraverso i rapporti coi figli che piano piano migliorano, soprattutto quello tra Jesus e suo padre, che si capiranno e alla fine lo perdonerà e accetterà l'offerta dell'università. Alla fine Jake (Washington) scoprirà che si è trattato tutto di un imbroglio, ma l'importante è che il governatore è stato accontentato no?
Un ottimo film consigliatissimo sia a chi piace Spike Lee che a chi si appresta ad approfondirlo.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...