Passa ai contenuti principali

Jungle Fever

Lui Flipper, lavora come architetto in uno studio, lei Angie è la sua nuova segretaria, lui ha una moglie e una figlia ed è felicemente sposato, lei  è fidanzata con un ragazzo sensibile, lui è un nero, lei è bianca, lui è...insomma avete capito no? NO? Spike Lee dirige un film sottolineando come i pregiudizi razziali sia dei bianchi che dei neri possono influenzare i rapporti tra le persone, sembra quasi che voglia dirci che non è possibile la comunicazione tra bianchi e neri, e lo fa, nella maniera più spiccia e sincera possibile, a mio avviso non è un film razzista, ma al contrario, tramite questo rapporto occasionale se vogliamo chiamarlo così i nostri protagonisti non hanno nessuna intensione di disturbare le rispettive situazioni, forse perchè sono incuriositi l'uno dall'altro, forse perchè si domandano come sarebbe stare con una persona differente da loro in tutto e per tutto, è un momento, una scintilla, vissuta con calore, ma le cose non andranno come hanno previsto loro, ben presto Flipper, si confiderà con l'amico, e lo dirà alla moglie, che lo farà sapere alla moglie di flipper, che lo caccia di casa e vuole il divorzio, anche la famiglia della ragazza lo viene a sapere e dopo averla picchiata la cacciano di casa, e i due si ritrovano a condividere un appartamento che rimarrà semivuoto.
Il loro non è amore, ma solo curiosità, una novità, un avventura, e per quel piccolo istante due anime anche se appartengono a due diverse culture si sono ritrovate, non importa per quanto tempo, non importano i pregiudizi, o altre cosa, importa solo questo, anche se saranno proprio i pregiudizi, legati anche alla cultura soprattutto delle origini italiane e della famiglia di Angie e sono così radicate che è impossibile per la ragazza portare avanti  il rapporto, se mai c'è stato un rapporto, non che Angie sia razzista, anzi tutt'altro, la sua con Flipper è stata un evazione dalla realtà che la circondava tutti i giorni, ma c'è anche lo storico fidanzato di Angie, Paulie, un bravissimo John Turturro, sensibile, dolce che è innamorato di una insegnante di colore Orin che va nel suo emporio ogni mattina a comprare delle riviste, Paulie, è continuamente tormentato da un padre eternamente legato alla moglie defunta, che è violento e razzista, non appena si accorge che Angie è interessata ad un altro cerca di ricominciare con Orin, ma le cose anche per lui non andranno bene, alcune persone che frequentano il suo emporio lo picchiano per strada perchè è innamorato di Orin, che lo accoglie in casa quando lui si presenta malconcio per essere stato picchiato mentendo di essere caduto dalle scale.
Un film in un certo senso spietato nel mettere in luce l'intolleranza razziale persino degli stessi capi dello studio di flipper dove l'unico uomo di colore che ci lavora è lui, e che ancora dopo tanto tempo gli negano di essere socio.
In conclusione uno dei migliori film di Spike Lee, da avere anche per osservare e riflettere che nonostante siano passati secoli ancora l'intolleranza razziale è sempre presente.
DA COLLEZIONARE.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…