lunedì 26 settembre 2011

Malcolm X

Spike Lee dirige il suo film più polemico, ma anche la sua prima biografia dedicata a Malcolm X, leader nero musulmano attivista dei diritti civili degli afroamericani, l'incipt è un lungo monologo di Malcolm con le immagini del ragazzo nero picchiato coi manganelli da dei poliziotti bianchi, per sottolineare che il razzismo nonostante siano passati secoli, anni, sia sempre presente, a differenza di Martin Luther King, che predicava la non violenza e l'uguaglianza pacifica tra bianchi e neri  lui battagliava perchè i neri avessero gli stessi diritti dei bianchi e urlava contro di loro, soprattutto contro coloro che li hanno sempre trattati male.
Malcolm X è un grande, grandissimo film, che nonostante ci sia stato a lungo un duello tra chi doveva dirigerlo, tra Jewison e Lee, ma alla fine la spuntò Lee, e la casa cinematografica che offriva soltanto 20 milioni di dollari, il film fu sovvenzionato da numerose star afroamericane del cinema e della musica.
Magistrali le interpretazioni di Denzel Washington e Angela Bassett, come del cast di attori che lo interpreta, ma è  nella regia di Spike Lee che troviamo il meglio per il film, Lee da il meglio di se e si nota, a ogni inquadratura, ma quello che più mi ha sorpreso è la vita di questo attivista, un nero che si caccia sempre nei guai e che fa di tutto per imitare i bianchi, tanto da allisciarsi persino i capelli per essere qualcuno, poi arriva una specie di boss che gli offre un lavoretto, ma è soprattutto in galera che la sua vita cambia, totalmente, conosce un nero che gli illustra di come la società e la vita ha sempre visto la gente di colore, e grazie a lui si converte all'islam, religione a cui si sono convertiti parecchi afroamericani, perchè credevano che fossero più rispettati se fossero stati musulmani, ma non tutto è come viene presentato, ben presto grazie a un viaggio a La Mecca Malcolm fa conoscenza di parecchie persone di tutte le razze che vivono nel rispetto reciproco, questo fatto modifica la percezione della vita e dell'uomo di Malcolm, ma c'è anche un altra cosa, che grazie alle sue parole lui rischiava di mettere in ombra il capo supremo di quella religione e si comincia a temere che possa togliergli il posto, per questo cominciano a ricevere telefonate anonime, e minacce di morte che cominciano a disturbare la loro vita, nonostante ciò Malcolm continua con la sua battaglia narrando il suo viaggio a La Mecca e le esperienze che ha fatto, morirà a 39 anni trucidato dagli stessi afroamericani.
La morale del film è che usavano l'islam non per avere parità di diritti, ma una certa supremazia sull'uomo bianco, comportandosi esattamente come si comportava con loro, quando poi le cose piano piano cominciarono a cambiare e Malcolm X divenne una persona tanto importante da far temere di cancellare l'autorità di Elijah Mohamed allora lo si cominciò a temere, quindi era meglio farlo fuori piuttosto che perdere l'autorità sulla gente di colore, questo è uno dei motivi per cui il film è stato accolto da polemiche da parte degli afroamericani, e nonostante ciò è e resta un capolavoro da collezionare assolutamente e da vedere e rivedere.

2 commenti:

  1. visto e piaciuto. poi malcom è uno dei miei miti. non facile da fare, qua spike ha "rischiato"

    RispondiElimina
  2. si è vero ma è un capolavoro c'è poco da dire...

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...