Passa ai contenuti principali

Malcolm X

Spike Lee dirige il suo film più polemico, ma anche la sua prima biografia dedicata a Malcolm X, leader nero musulmano attivista dei diritti civili degli afroamericani, l'incipt è un lungo monologo di Malcolm con le immagini del ragazzo nero picchiato coi manganelli da dei poliziotti bianchi, per sottolineare che il razzismo nonostante siano passati secoli, anni, sia sempre presente, a differenza di Martin Luther King, che predicava la non violenza e l'uguaglianza pacifica tra bianchi e neri  lui battagliava perchè i neri avessero gli stessi diritti dei bianchi e urlava contro di loro, soprattutto contro coloro che li hanno sempre trattati male.
Malcolm X è un grande, grandissimo film, che nonostante ci sia stato a lungo un duello tra chi doveva dirigerlo, tra Jewison e Lee, ma alla fine la spuntò Lee, e la casa cinematografica che offriva soltanto 20 milioni di dollari, il film fu sovvenzionato da numerose star afroamericane del cinema e della musica.
Magistrali le interpretazioni di Denzel Washington e Angela Bassett, come del cast di attori che lo interpreta, ma è  nella regia di Spike Lee che troviamo il meglio per il film, Lee da il meglio di se e si nota, a ogni inquadratura, ma quello che più mi ha sorpreso è la vita di questo attivista, un nero che si caccia sempre nei guai e che fa di tutto per imitare i bianchi, tanto da allisciarsi persino i capelli per essere qualcuno, poi arriva una specie di boss che gli offre un lavoretto, ma è soprattutto in galera che la sua vita cambia, totalmente, conosce un nero che gli illustra di come la società e la vita ha sempre visto la gente di colore, e grazie a lui si converte all'islam, religione a cui si sono convertiti parecchi afroamericani, perchè credevano che fossero più rispettati se fossero stati musulmani, ma non tutto è come viene presentato, ben presto grazie a un viaggio a La Mecca Malcolm fa conoscenza di parecchie persone di tutte le razze che vivono nel rispetto reciproco, questo fatto modifica la percezione della vita e dell'uomo di Malcolm, ma c'è anche un altra cosa, che grazie alle sue parole lui rischiava di mettere in ombra il capo supremo di quella religione e si comincia a temere che possa togliergli il posto, per questo cominciano a ricevere telefonate anonime, e minacce di morte che cominciano a disturbare la loro vita, nonostante ciò Malcolm continua con la sua battaglia narrando il suo viaggio a La Mecca e le esperienze che ha fatto, morirà a 39 anni trucidato dagli stessi afroamericani.
La morale del film è che usavano l'islam non per avere parità di diritti, ma una certa supremazia sull'uomo bianco, comportandosi esattamente come si comportava con loro, quando poi le cose piano piano cominciarono a cambiare e Malcolm X divenne una persona tanto importante da far temere di cancellare l'autorità di Elijah Mohamed allora lo si cominciò a temere, quindi era meglio farlo fuori piuttosto che perdere l'autorità sulla gente di colore, questo è uno dei motivi per cui il film è stato accolto da polemiche da parte degli afroamericani, e nonostante ciò è e resta un capolavoro da collezionare assolutamente e da vedere e rivedere.

Commenti

  1. visto e piaciuto. poi malcom è uno dei miei miti. non facile da fare, qua spike ha "rischiato"

    RispondiElimina
  2. si è vero ma è un capolavoro c'è poco da dire...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.