Passa ai contenuti principali

Ragazze Interrotte

Se c'è un motivo per apprezzare Ragazze Interrotte e osservarlo in silenzio lasciandosi trasportare dalle storie di queste ragazza, un po' matte, o forse no, ragazze che hanno qualche rotella fuori posto, che vedono la vita in modo differente da come noi la percapiamo, tratto dal romanzo autobiografico di Susanna Kaysen, e diretto da James Mangold, è l'analisi di come avvolte grazie alla semplicità della vita e all'accettazione dei propri problemi, si nasconde il segreto per la guarigione, e per andare avanti, Susanna questo impara negli anni trascorsi all'ospedale psichiatrico, ed è interpretata da Winona Ryder che è messa un po' in secondo piano dalla strepitosa interpretazione di Angelina Jolie che è al tempo stesso aggressiva e problematica, il suo personaggio Lisa Row è quello che scappa sempre dal manicomio per poi tornare, tra le internate è la più aggressiva, una sociopatica che non ha mai aperto la porta verso la guarigione come ha fatto Susanna, ma al tempo stesso grazie al rapporto con Susanna ne diviene amica prendendo il posto di una ragazza che prima dell'arrivo di Susanna si è suicidata.
C'è poco da dire, L'interpretazione della Jolie è il punto cardine del film, nonostante Winona Ryder accettando il ruolo di Susanna abbia fatto un bellissimo lavoro Angelina Jolie le ruba la scena per la quasi totalità del film, ed è talmente intensa e profonda da non far capire allo spettatore se stesse recitando o faceva sul serio, un interpretazione giustamente premiata con l'oscar, e un ruolo talmente sentito da colpire al cuore, brave anche tutte le altre interpreti, tra cui anche Woopi Goldberg, che è l'unica infermiera che da una mano alle ragazze, è stato paragonato a qualcuno volò sul nido del cuculo, io non sono d'accordo, apparte la trama differente c'è un senso di tristezza e solitudine nel film e soprattutto nel personaggio di Lisa che spezza il cuore. Da Non Perdere.

Commenti

  1. non amo particolarmente la jolie, ma forse con questo film potrei cambiare idea. sai che non mi fisso mai su dei preconcetti negativi, al limite ammetto quelli positivi ;-)

    RispondiElimina
  2. Guarda è talmente brava che ti conquisterà, anche io all'inizio non l'amavo, ma poi è capitato che registrai in televisione un film con lei e lo vidi, mi ha ispirata :)

    RispondiElimina
  3. vedremo! :)
    io per ora ho una sua sola apparizione da protagonista, e l'ho stroncata amaramente. pensa, è tra le rece più lette del blog storicamente, solo film di eastwood al quale ho avuto da dire: Changeling

    RispondiElimina
  4. ah in changeling è brava, ho visto il film ma ancora non l'ho recensito, provvederò al più presto grazie roby :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.