Passa ai contenuti principali

La 25a Ora

Monty è uno spacciatore di New York, con una percuisizione è stata trovata a casa sua un ingente somma di denaro e in più un chilo di eroina, quanto basta per finire in prigione, e ci sono sette anni che lo attendono, deve stare al fresco, e ha un solo giorno di tempo per rivedere la sua vita, in questo lasso di tempo rivede i suoi rapporti  con il padre, la fidanzata - di cui sospetta abbia fatto la soffiata ai poliziotti - e infine gli amici, un broker e un timido insegnante innamorato della sua allieva minorenne, riuscirà a fare i conti con la sua vita e magari dargli una svolta in questo breve lasso di tempo.
Spike Lee dirige il suo capolavoro, la 25a ora è l'opera matura di un autore che si appresta a crescere e a prendere qualsiasi storia per personalizzarla come meglio crede - e già successo con SOS Summer of Sam prossimamente in questo blog - ma qui va oltre lo script scritto dallo stesso autore del romanzo da cui è tratto il film David Benioff che lascia a Lee il ruolo di regista della pellicola che è prodotta da Tobey Maguire, precedentemente interessato a interpretare Monty, ma poi a causa di Spiderman vi ha rinunciato, al suo posto c'è un sorprendente Edward Norton, un grandissimo Edward Norton, in una delle sue prove più drammatiche e riuscite, non sono da meno anche le interpretazioni di Rosario Dawson, Brian Cox, Barry Pepper e il sempre bravissimo Philip Seymour Hoffman.
Lee ha scelto un cast di eccezionale talento, non c'è dubbio.
Dall'incipt all'epilogo il film è un susseguirsi di situazioni e drammi che scandiscono come un orologio il tempo che passa, i rimpianti, gli amori, un opera talmente ispirata e sentita che colpisce dal  profondo. Qui trovate il famoso monologo di Monty, che precedentemente incazzato con il padre comincia a prendersela con il mondo intero per quello che gli è successo, ma alla fine capisce che l'unica persona con cui può prendersela è se stesso.
Tra le scene migliori oltre quella del monologo cito quella di quando Monty chiede a Frank di pestarlo a sangue prima che venga imprigionato, e poi l'illusione del padre attraverso una immaginaria fuga vorrebbe che il figlio cambiasse nome, vita, diventasse un altra persona per fuoriuscire dal giro e dal casino in cui si è messo. Nella sera prima del suo arresto, durante la festa succede di tutto, il professore Jacob (Philip Seymour Hoffman) dopo che la sua allieva (Anna Paquin) ci ha provato con lui per avere un voto migliore in pagella riesce a baciarla sulle labbra evidentemente perchè è ubriaco non è lucido, lo scontro che questi ha con Frank (Barry Pepper) perchè crede che Naturelle (Rosario Dawson) voglia stare con Monty per i soldi, ma è solo la paura per l'amico che se ne va, e vengono fuori piano piano, man mano che il tempo passa fino a quando non esplodono nella scena del pestaggio voluto da Monty per evitare guai più grossi in galera.
ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE.

Commenti

  1. sì, concordo anche se, ma sono tra i pochi, non amo alla follia il "giovanilismo" del discorso allo specchio, per il resto film veramente bellissimo!!!!

    RispondiElimina
  2. no io la trovo cazzuta la scena perchè alla fine incolpa se stesso dopo essersela presa con il mondo intero hehe

    RispondiElimina
  3. filmone senza ombra di dubbio, con quel grande di barry pepper!
    poi quel monologo da brividi...

    RispondiElimina
  4. Grandissimo Barry Pepper, e grandissimo Spike.
    Forse il suo film che preferisco.
    Un vero cazzotto in piena faccia.

    RispondiElimina
  5. si è vero ^_^ Sincero fottutamente incredibile, certe inquadrature sono straordinarie ^^

    RispondiElimina
  6. Mi piace quando ti sento rock nell'espressione.
    Il pane e salame delle recensioni si fa sentire ancora di più, brava!

    Ma senti, anche se al momento sono incasinato e ho un sacco di cose in ballo, si potrebbe pensare ad un post a quattro mani.
    In caso, scrivimi sulla mail e fammi sapere se ti può interessare!

    RispondiElimina
  7. ah mi piacerebbe dimmi per quale film così lo cerco lo guardo e poi ti avviso, la mia email la trovi tra il menù sotto il logo fammi sapere ok? XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.