Passa ai contenuti principali

La 25a Ora

Monty è uno spacciatore di New York, con una percuisizione è stata trovata a casa sua un ingente somma di denaro e in più un chilo di eroina, quanto basta per finire in prigione, e ci sono sette anni che lo attendono, deve stare al fresco, e ha un solo giorno di tempo per rivedere la sua vita, in questo lasso di tempo rivede i suoi rapporti  con il padre, la fidanzata - di cui sospetta abbia fatto la soffiata ai poliziotti - e infine gli amici, un broker e un timido insegnante innamorato della sua allieva minorenne, riuscirà a fare i conti con la sua vita e magari dargli una svolta in questo breve lasso di tempo.
Spike Lee dirige il suo capolavoro, la 25a ora è l'opera matura di un autore che si appresta a crescere e a prendere qualsiasi storia per personalizzarla come meglio crede - e già successo con SOS Summer of Sam prossimamente in questo blog - ma qui va oltre lo script scritto dallo stesso autore del romanzo da cui è tratto il film David Benioff che lascia a Lee il ruolo di regista della pellicola che è prodotta da Tobey Maguire, precedentemente interessato a interpretare Monty, ma poi a causa di Spiderman vi ha rinunciato, al suo posto c'è un sorprendente Edward Norton, un grandissimo Edward Norton, in una delle sue prove più drammatiche e riuscite, non sono da meno anche le interpretazioni di Rosario Dawson, Brian Cox, Barry Pepper e il sempre bravissimo Philip Seymour Hoffman.
Lee ha scelto un cast di eccezionale talento, non c'è dubbio.
Dall'incipt all'epilogo il film è un susseguirsi di situazioni e drammi che scandiscono come un orologio il tempo che passa, i rimpianti, gli amori, un opera talmente ispirata e sentita che colpisce dal  profondo. Qui trovate il famoso monologo di Monty, che precedentemente incazzato con il padre comincia a prendersela con il mondo intero per quello che gli è successo, ma alla fine capisce che l'unica persona con cui può prendersela è se stesso.
Tra le scene migliori oltre quella del monologo cito quella di quando Monty chiede a Frank di pestarlo a sangue prima che venga imprigionato, e poi l'illusione del padre attraverso una immaginaria fuga vorrebbe che il figlio cambiasse nome, vita, diventasse un altra persona per fuoriuscire dal giro e dal casino in cui si è messo. Nella sera prima del suo arresto, durante la festa succede di tutto, il professore Jacob (Philip Seymour Hoffman) dopo che la sua allieva (Anna Paquin) ci ha provato con lui per avere un voto migliore in pagella riesce a baciarla sulle labbra evidentemente perchè è ubriaco non è lucido, lo scontro che questi ha con Frank (Barry Pepper) perchè crede che Naturelle (Rosario Dawson) voglia stare con Monty per i soldi, ma è solo la paura per l'amico che se ne va, e vengono fuori piano piano, man mano che il tempo passa fino a quando non esplodono nella scena del pestaggio voluto da Monty per evitare guai più grossi in galera.
ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE.

Commenti

  1. sì, concordo anche se, ma sono tra i pochi, non amo alla follia il "giovanilismo" del discorso allo specchio, per il resto film veramente bellissimo!!!!

    RispondiElimina
  2. no io la trovo cazzuta la scena perchè alla fine incolpa se stesso dopo essersela presa con il mondo intero hehe

    RispondiElimina
  3. filmone senza ombra di dubbio, con quel grande di barry pepper!
    poi quel monologo da brividi...

    RispondiElimina
  4. Grandissimo Barry Pepper, e grandissimo Spike.
    Forse il suo film che preferisco.
    Un vero cazzotto in piena faccia.

    RispondiElimina
  5. si è vero ^_^ Sincero fottutamente incredibile, certe inquadrature sono straordinarie ^^

    RispondiElimina
  6. Mi piace quando ti sento rock nell'espressione.
    Il pane e salame delle recensioni si fa sentire ancora di più, brava!

    Ma senti, anche se al momento sono incasinato e ho un sacco di cose in ballo, si potrebbe pensare ad un post a quattro mani.
    In caso, scrivimi sulla mail e fammi sapere se ti può interessare!

    RispondiElimina
  7. ah mi piacerebbe dimmi per quale film così lo cerco lo guardo e poi ti avviso, la mia email la trovi tra il menù sotto il logo fammi sapere ok? XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.