Passa ai contenuti principali

Lei mi odia

Spike Lee abbandona le pellicole di stampo più drammatiche per una pellicola di stampo più leggera, ma che presenta anche una feroce critica all'ipocrisia americana riguardo al sesso, John Armstrong, un intrigante Anthony Mackey, perde il lavoro a causa della sua denuncia verso il capo che si è fregato i soldi e l'azienda rischia di fallire a causa sua, anche perchè un medico che lavorava per loro si è suicidato quando l'azienda stessa a causa della troppa fretta per guadagnare ha mandato al mercato un farmaco senza fare ulteriori sperimentazioni, John Armstrong, non ci sta, e non è certo il tipo che porge l'altra guancia, denuncia i suoi superiori e questi come risultato lo licenziano, ma una sua ex lo aiuta con una idea, Fatima che ora è lesbica vorrebbe diventare madre insieme alla sua nuova compagna e chiede a john di ingravidarla in cambio di una cospicua somma di denaro, ma mentre Fatima rimane incinta Alex che ha scelto l'inseminazione artificiale col seme di John non ci riesce, così anche se è riuscito solo per Fatima, che ha utilizzato il metodo tradizionale per restare incinta, la voce comincia a girare grazie a lei, e ben presto John diventa lo stallone utilizzato dalle lesbiche per diventare madri...
Nonostante sia lontano anni luce da pellicole come Summer of Sam, Clockers, La 25a ora, Lei mi odia, non è un capolavoro, ma resta comunque un ottimo film, capace di sottolineare senza peli sulla lingua, e sarebbe anche il caso di dirlo, le ipocrisie, e i pregiudizi riguardo al sesso, ma soprattutto e credo si possa dire senza nessun timore che tra le scene più caratteristiche del film c'è quella in cui le lesbiche, il primo gruppo vogliono vedere quello per cui hanno pagato, facendo spogliare John completamente e trattandolo come un oggetto, come farebbe un uomo con una donna, è proprio questo il ribaltamento dei ruoli? E' proprio questa la vera novità per fare figli, o per le nuove famiglie come le chiamano adesso? Da antologia il piccolo ruolo di John Turturro, padre italiano di Monica Bellucci che parla come Don Vito Corleone.
E così Spike Lee si allontana dai suoi temi abituali per girare una commedia spietata ma anche ironica in cui un uomo si prostituisce per così dire per dare una mano a delle lesbiche che vogliono diventare madri, stendiamo un velo pietoso per Monica Bellucci, la quale sembra una gatta incapace di graffiare lo schermo, bravissimi tutti gli altri attori, a proposito di ribaltamento di ruoli, il rapporto tra Fatima e John che prima sono in procinto di sposarsi ma poi si lasciano perchè lei si scopre lesbica, questa impossibilità a comunicare, e a comprendersi che Lee sottolinea in maniera magistrale forse è la vera causa in cui uomini e donne spesso non sono capaci di comprendersi, ma c'è anche di tutto, c'è il ribaltamento della situazione in azienda, in cui il capo cerca di rovinare la reputazione di John, prima dando notizie false sul suo conto, poi congelandogli il conto in banca, l'imbroglio, la corruzzione, ed è proprio per questi motivi che lui si sottopone come oggetto sessuale per guadagnare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.