Passa ai contenuti principali

Il signore degli anelli - La compagnia dell'anello

Peter Jackson dirige il film che lo ha portato nell'olimpo del cinema mondiale, portare a compimento il capolavoro di JR Tolkien era un impresa ardua, perchè è sempre stato il romanzo intraducibile per il grande schermo, tralasciando il fatto che il romanzo è migliore del film, tralasciando anche le polemiche che ci sono state, e parliamo del film, che è la cosa più importante, il romanzo se lo comprerò perchè ho intenzione di farlo lo leggerò tutto d'un fiato...
ma andiamo a noi, dunque, il film presenta effetti speciali notevoli, con un cast di attori sia conosciuti sia che con questo film si sono rivelati, Peter Jackson e sua moglie Fran Walsh danno il meglio di se, l'opera di Jackson è un grandissimo film, quando l'ho visto al cinema sono rimasta a bocca aperta, non avevo mai visto un film così bello in vita mia, tanto da voler restare per vederlo un altra volta, l'hobbit ad honorem come è stato simpaticamente descritto dalla comunità di appassionati di Talkien Peter Jackson, dirige il suo capolavoro assoluto (intendo l'intera trilogia), dal primo al terzo episodio della saga.
Bene, la trama vede un hobbitt bilbo baggins, della contea, che per caso trova un anello che era in possesso di gollum, una strana creatura, metà hobbitt metà mostro, che chiama l'anello il mio tesssoro, ma perchè lo chiama tesoro? Quale segreto si cela nell'anello? Il segreto, ci viene raccontato da Galadriel (Cate Blanchett, più che mai) che narra di un gruppo di regnanti che hanno ricevuto degli anelli per dominare la terra, ma che Sauron, un oscuro signore ha forgiato un anello per dominarli tutti, ma non solo quei re, ma anche tutte le creature che vivono sulla terra di mezzo, Gandalf va alla contea per festeggiare il suo amico Bilbo che compie 110 anni ed ha un aspetto giovanile, quasi come fosse un cinquantenne, bellissimo l'arrivo alla contea di Gandalf, con i fuochi d'artificio, e la musica di Howard Shore fa entrare di più nello spirito sbarazzino e fantastico degli Hobbitt, grandi bevitori di birra e fumatori di erba pipa a cui piace oziare e mangiare, quando però Bilbo all'improvviso scompare Gandalf si insospettisce e parla a quattro occhi con Bilbo facendogli lasciare l'anello, anello che passa nelle mani di Frodo Baggins, per caso, a cui spetterà il compito di portarlo nel monte fato per la totale distruzione, ci riuscirà? Così ha inizio il suo lungo viaggio ma per portare l'anello ci vuole una compagnia, compagnia che si formerà al gran burrone dopo il ferimento di Frodo da parte dei Nazkul e la sua guarigione.
Un film emozionante, un avventura senza precedenti nel mondo del cinema che è impossibile non restarne affascinati, mi viene in mente anche il personaggio di Boromir, il suo è per tutto il film un esame tra se stesso con la continua tentazione dell'anello, di cui troppo tardi scoprirà la sua vera natura.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.

Commenti

  1. La compagnia dell'anello è ancora il mio preferito della trilogia.
    Prima o poi mi dedicherò anch'io a quest'opera gigantesca di Jackson.

    RispondiElimina
  2. si è bellissimo il film, io ho la versione extended che è migliore della versione standard :)

    RispondiElimina
  3. Il mio preferito, non c''è dubbio!! Lo so che è da considerare come unico film, ma "la compagnia" ha avuto su di me un impatto emotivo che i seguiti non hanno eguagliato. Stupendo, ho la pelle d'oca :) per non parlare della colonna sonora, sono andata all'Auditorium solo per sentire Howard Shore che dirigeva l'orchestra sulle note di "the breaking of the fellowship"
    Brividiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  4. gran film, ma per certi aspetti ripenso sempre alla presa per il culo in Clerks II ahah

    RispondiElimina
  5. beh il fantasy può anche non piacere sai, per me è un film imperdibile XD ma come si dice, tutti i gusti sono gusti. Anche se questo con clerks II non centra assolutamente nulla, quindi non capisco il paragone eh?

    RispondiElimina
  6. vista di recente l'intera trilogia extended, capolavoro. L'atmosfera è unica, bellissima... io ci vivrei nella contea! :)

    RispondiElimina
  7. anch'io l'ho vista di recente, per questo ora la sto recensendo benvenuto alla fabrica, beh se è per questo possiamo dire che la contea è il luogo dei desideri, ci vivrei anche io, magari bevendo la birra e fumando l'erba pipa ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…