Passa ai contenuti principali

S.O.S - Summer of Sam - Panico a New York

Spike Lee dirige il suo primo film con un cast di attori prevalentemente bianchi, e ispirandosi a un fatto realmente accaduto dirige Summer of Sam panico a New York, il cast per il film vanta nomi altisonanti, John Leguizamo, Adrien Brody, Mira Sorvino, Jennifer Esposito e tanti altri, tutti bravissimi.
Spike Lee, invece di percorrere la strada facile del thriller in cui si deve svelare l'assassino, intraprende la strada più rischiosa, quella drammatica, in cui le vite di un gruppo di persone sono improvvisamente scuotate dalla presenza di un assassino che terrorizza e minaccia la loro comunità; l'assassino è ossessionato da un cane che dice riesce a parlargli e lo induce all'omicidio, per prima cosa agisce sempre di notte e uccide delle coppiette che magari stanno in intimità tra di loro o parlano insieme. Le cose peggiorano quando agisce nel quartiere italoamericano, in cui il boss di quartiere comanda ai suoi scagnozzi di scoprire chi è questo assassino e di portarglielo, nello stesso frangente, ci sono le vite degli abitanti del quartiere, Vinny, un impenitente donnaiolo, a cui piace andare in discoteca e a ballare Dionna sua moglie che lavora in un ristorante gestito dal padre, Richie, un punkettaro che fa spogliarelli gay e anche qualche lavoretto extra e i loro amici.
Naturalmente viene messo in primo piano anche l'intolleranza e il sospetto senza ovviamente avere nessuna prova a riguardo, o anche non conoscendo nè chi sia il colpevole, nè come reagisce nulla, e viene proprio preso di mira Richie a causa del suo aspetto e del suo essere fuori dagli schemi rispetto agli altri soprattutto da alcuni ragazzi del quartiere che lo considerano fuori di testa.
Summer of Sam è l'opera matura di un regista che sa cosa vuole ma soprattutto sa come raccontarlo alla gente, musiche scintillanti, ritmo incalzante, e inquietudine che cresce ad ogni inquadratura, destabilizzanti i movimenti della mdp quando il cane abbaia o Sam che viene ripreso sempre di spalle si sbatte la testa al muro, ci sono momenti di vero panico per lo spettatore, ma sono brividi che pur non essendo terrorizzanti hanno il pregio di incatenare l'attenzione sullo schermo e questo dall'inizio alla fine, facendone un piccolo cult che per alcuni può essere considerato un capolavoro.


Commenti

  1. L'opera della vera svolta di Lee.
    Se prima di SOS i suoi film mantenevano in parte una certa retorica razziale che ne limitava la portata, con questa pellicola strascorsesiana il buon Spike spacca davvero, dimostrando di essere uno dei più importanti registi made in Usa.

    RispondiElimina
  2. si prima le sue pellicole avevano un cast misto, di bianchi o neri, o prevalentemente neri, con questo e poi più avanti con la 25a ora che ho recensito ha impostato un cast di bianchi prevalentemente si è un film girato benissimo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.