Passa ai contenuti principali

S.O.S - Summer of Sam - Panico a New York

Spike Lee dirige il suo primo film con un cast di attori prevalentemente bianchi, e ispirandosi a un fatto realmente accaduto dirige Summer of Sam panico a New York, il cast per il film vanta nomi altisonanti, John Leguizamo, Adrien Brody, Mira Sorvino, Jennifer Esposito e tanti altri, tutti bravissimi.
Spike Lee, invece di percorrere la strada facile del thriller in cui si deve svelare l'assassino, intraprende la strada più rischiosa, quella drammatica, in cui le vite di un gruppo di persone sono improvvisamente scuotate dalla presenza di un assassino che terrorizza e minaccia la loro comunità; l'assassino è ossessionato da un cane che dice riesce a parlargli e lo induce all'omicidio, per prima cosa agisce sempre di notte e uccide delle coppiette che magari stanno in intimità tra di loro o parlano insieme. Le cose peggiorano quando agisce nel quartiere italoamericano, in cui il boss di quartiere comanda ai suoi scagnozzi di scoprire chi è questo assassino e di portarglielo, nello stesso frangente, ci sono le vite degli abitanti del quartiere, Vinny, un impenitente donnaiolo, a cui piace andare in discoteca e a ballare Dionna sua moglie che lavora in un ristorante gestito dal padre, Richie, un punkettaro che fa spogliarelli gay e anche qualche lavoretto extra e i loro amici.
Naturalmente viene messo in primo piano anche l'intolleranza e il sospetto senza ovviamente avere nessuna prova a riguardo, o anche non conoscendo nè chi sia il colpevole, nè come reagisce nulla, e viene proprio preso di mira Richie a causa del suo aspetto e del suo essere fuori dagli schemi rispetto agli altri soprattutto da alcuni ragazzi del quartiere che lo considerano fuori di testa.
Summer of Sam è l'opera matura di un regista che sa cosa vuole ma soprattutto sa come raccontarlo alla gente, musiche scintillanti, ritmo incalzante, e inquietudine che cresce ad ogni inquadratura, destabilizzanti i movimenti della mdp quando il cane abbaia o Sam che viene ripreso sempre di spalle si sbatte la testa al muro, ci sono momenti di vero panico per lo spettatore, ma sono brividi che pur non essendo terrorizzanti hanno il pregio di incatenare l'attenzione sullo schermo e questo dall'inizio alla fine, facendone un piccolo cult che per alcuni può essere considerato un capolavoro.


Commenti

  1. L'opera della vera svolta di Lee.
    Se prima di SOS i suoi film mantenevano in parte una certa retorica razziale che ne limitava la portata, con questa pellicola strascorsesiana il buon Spike spacca davvero, dimostrando di essere uno dei più importanti registi made in Usa.

    RispondiElimina
  2. si prima le sue pellicole avevano un cast misto, di bianchi o neri, o prevalentemente neri, con questo e poi più avanti con la 25a ora che ho recensito ha impostato un cast di bianchi prevalentemente si è un film girato benissimo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.