Passa ai contenuti principali

Bamboozled

Un film sperimentale, un opera complessa e difficile che è stata uno dei più brucianti flop della carriera di Spike Lee, ma non per questo bisogna sminuire il suo valore, anzi tutt'altro, perchè questo è un film da tenere d'occhio, voi mi chiederete ma perchè? Perchè anche se è girato in digitale ovviamente non tutto in digitale, racconta una storia che veramente lascia di stucco: come la società americana ha sempre visto la gente di colore tramite show chiaramente razzisti che li descrivevano tonti, ignoranti e scansafatiche, il film che è incentrato su un professionista televisivo che nonostante cerchi ma invano di fare approvare i suoi show, non riesce mai a convincere il suo capo un bianco, che finge di apprezzare la gente di colore, ma ha gli stessi pregiudizi di un qualsiasi razzista bianco, nonostante abbia sposato una donna di colore.
Delacroix (Damon Wayans) dopo l'ennesimo rifiuto del suo capo nel presentare programmi dove la gente di colore viene descritta nel modo giusto, ha una brillante idea, quella di ripescare e riportare al successo gli show degli anni trenta dove gente bianca veniva truccata con del colore nero e le labbra rosse e presentavano gente di colore stupida e inetta, ma lo fa soprattutto perchè vuole essere licenziato, e poi spera che lo show dato il contenuto razzista non abbia successo.
Le cose non andranno esattamente come prevede Delacroix, che per questa sua scelta viene criticato persino dalla sua segretaria che si oppone con tutte le sue forze a questo progetto, ma che invano non riesce a fare cambiare idea al suo capo.
Quello che sottovaluta è che questa idea viene accolta alla grande dal suo capo, che salta come un grillo sul tavolo quando gli viene presentato il progetto, e si cominciano a cercare i protagonisti, e li trovano in due clochard che cantano e suonano per strada, lo show li porterà al successo immediato, come anche al suo autore e ideatore, che non si aspettava un successo così improvviso tanto da diventare un programma di culto nel network per cui lavora.
Ma tutto questo ha un prezzo, ci sono delle conseguenze da pagare per aver mostrato così spietatamente la gente di colore se una parte del pubblico approva lo show, un altra parte non lo accetta per il tono così smacchiatamente razzista e poco lusinghiero della comunità afroamericana, ogni scelta comporta a delle conseguenze.
Spike Lee con questo film da spietatamente il pugno nello stomaco all'america più radicale e razzista, forse anche per questo il film è passato quasi inosservato nelle sale, perchè nel raccontare un sogno americano costruito sul dolore di persone che hanno subito l'intolleranza razziale, porta realmente allo spargimento di sangue, perchè ormai i neri non sono più come un tempo, la schiavitù è finita, i bianchi non sono più padroni, anche se vogliono dominare ancora, mi ricorda la scena del capo di Delacroix che dice di capire meglio di chiunque altro i neri, una frase presuntuosa, perchè infondo lui è un bianco come può capire l'intolleranza se non l'ha mai subita?
Ma è anche un atto d'accusa sullo strapotere dei media, su come modifica il pensiero delle persone e le rende meno umane e più dedite a stare davanti a una macchina da presa, ma ovviamente uno dei protagonisti quando ormai ha raggiunto il culmine della sopportazione, e verso la fine si presenta senza trucco, come realmente è, ecco che la gente non lo accetta, si accettano i clichè, le maschere, ma non le persone per come sono realmente, ed ecco che qui il film cambia e mostra tutto il marcio di una società che non ha mai veramente accettato la gente di colore.
Il film termina con un filmato dove ci sono questi spettacolini ripresi in vari film e persino in cartoni animati per bambini, lasciando un messaggio che colpisce allo stomaco e rende impossibile anche solo parlare.
Un film da avere assolutamente, e da far vedere e rivedere per mostrare, ma soprattutto per insegnare il rispetto verso tutti gli esseri umani.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…