Passa ai contenuti principali

Uomini di Dio

Le comunità cristiane e musulmane convivono pacificamente in algeria, siamo negli anni novanta, e c'è una certa tolleranza tra gli uomini delle due religioni, così differenti, il film espone l'interrogativo in cui lo spettatore si chiede qual'è il confine che separa la tolleranza dall'odio, e in nome di quale Dio bisogna modificare ciò che la loro buona fede fa verso i fedeli, è giusto o non è giusto salvarsi la vita dimenticando chi ha più bisogno?
Un piccolo film che fa riflettere tanto, ma che insegna il valore della tolleranza, troppo spesso dimenticato dai fondamentalisti, ma anche dagli estremisti, tratto da un fatto realmente accaduto in Algeria negli anni novanta in cui vengono messi a un bivio, restare e rischiare la loro vita per amore di Cristo, o andare via in Francia per salvarsi, indubbiamente per amore di Cristo sceglieranno la prima ipotesi, che è quella più estrema, ma anche quella che da dell'insegnamento ai popoli di tutto il mondo e di tutte le civiltà, quella che narra Dio attraverso la sua bibbia, e, coraggiosamente, attraverso questa scelta difficile riusciranno a comunicare al mondo il valore della loro scelta? E' una domanda che ovviamente resterà senza una risposta, perchè troppo spesso l'uomo decide egoisticamente di salvarsi la vita, piuttosto che rischiarla per salvarne altre di vite, o per amore di altre vite bisognose di cure, di affetto, della mano di un fratello che dia conforto, cose che troppo spesso anche nella chiesa cattolica viene dimenticato, ma quanto vale il valore della tolleranza? Vale tanto, più dell'oro, avvolte la presenza di Dio vale più di mille parole, è questo che ho appreso dopo la visione di questo film.
IMPERDIBILE.

Commenti

  1. bella scelta, certo non un action movie da pizzebbirra, ma ci vogliono. in occasione di "priscilla" ho detto che persino la parola "tolleranza" si dovrebbe arrivare a non dover più usare, spero, in un futuro. implica un "dover aver pazienza" spesso, quando invece basta non porsi nemmeno certi inutili problemi e magari arrivare persino ad apprezzarle, le differenze.

    RispondiElimina
  2. si è vero, è una cosa importante e fondamentale che l'uomo ha dimenticato, troppo preso a farsi la guerra per difendere il proprio "orto" quando attraverso la tolleranza si arricchisce sia spiritualmente che intellettualmente.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.