Passa ai contenuti principali

Lola Darling

Spike Lee esordisce con una commedia, e che commedia.  Si comincia a notare lo stile metropolitano di Spike Lee, uno stile asciutto e sincero che ritroveremo in parecchi titoli: così racconta una storia di neri di Brooklyn.
Protagonista è una donna Nola Darling (In italiano viene tradotto in Lola e messo nel titolo...) divisa dall'amore di tre uomini che lei sinceramente ama, ma è un amore diverso il suo: perchè generalmente una donna normale sceglie un uomo, eppure lei decide di amarli tutti e tre perchè insieme rappresentano tutto ciò che lei desidera e tutto ciò che lei vuole.
Spike Lee dirige il film come un simil documentario, intervistando i protagonisti della vicenda; da Nola, al padre (interpretato dal padre di Spike lee) all'amica lesbica, fino ai suoi uomini, che raccontano se stessi e viene da pensare perchè lei li abbia scelti. Il bravo ragazzo, Jamie  il modello Greer e il fannullone (Mars Blackmon interpretato dallo stesso Lee che diventerà un icona presso gli afroamericani) che va sempre in bici e si veste come un rapper.
Intelligentemente Lee non tocca mai il melodrammatico, o il sentimentalismo, ma fa vivere allo spettatore quasi fosse partecipe alle loro interviste i sentimenti, le vite, le storie, il che è un punto a suo favore soprattutto perchè riesce a toccare il cuore in modo spiccio pulito, e non ti viene mai in mente di giudicare i personaggi nel modo sbagliato anzi, cerchi di capirli, di capire la loro psicologia, direi che è un film non d'amore, ma su una donna che fa una scelta, amare tre uomini, e come la vedono gli uomini questa sua scelta? Alla fine sarà proprio lei, la nostra protagonista a raccontare come mai della sua scelta.
Un brillante esordio alla regia, che lascia letteralmente conquistati. Si nota da subito il talento di Lee, e la sua sensibilità nei confronti di Nola, forse per questo il film risulta intenso e notevole.
Assolutamente da non perdere.

Commenti

  1. rece che condivido, personaggi vari che rappresentano un po' l'universo nero americano dei tempi... bel biglietto da visita per spike

    RispondiElimina
  2. ho già iniziato con he got game grandissimo film ^^

    RispondiElimina
  3. questo mi manca, lo recupero al più presto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.