Arancia Meccanica

Nuovo appuntamento col cinema di Kubrick, visto che devo terminare la sua filmografia alla fabbrica e lo faccio ogni sabato per ora, ho pensato bene di affrontare un altra volta uno dei suoi capolavori assoluti per poterlo recensire, spero di farlo al meglio anche perché ci tengo moltissimo.

La prima volta che ho visto Arancia Meccanica capii subito che era un film epocale, per una serie di motivi che ora vi spiegherò: Stanley Kubrick rende simpatico un ragazzo estremamente cattivo, ma come lo fa?
Qui ci sta tutta la provocazione di un film capace ancora oggi di suscitare forti discussioni, e sono passati quasi cinquant'anni dalla sua uscita, sottilmente però fa una chiara analisi sulla violenza, quella personale, e quella dello stato, mettendo alla berlina metodi disumani per trasformare un uomo estremamente violento, denota una acuta e lucida riflessione sul togliere il libero arbitrio a un essere umano.
E' giusta la violenza di Alex e i suoi drughi? NO ovviamente, come non sono giusti i metodi educativi statali per trasformare Alex in persona normale, non si toglie mai la libertà a un uomo, a prescindere se sia normale, violento, e via dicendo.
Kubrick per il ruolo principale sceglie ovviamente Malcolm McDowell, che incarna alla perfezione Alex, e tutte le scene di violenza del film, sono intrise di una amara ironia, e trasforma Alex quasi in un ragazzino che si diverte a pestare, e a stuprare, pragmatica la scena dello stupro alla casa dello scrittore.
Cosa succede poi quando Alex è rieducato e non commette nessun atto di violenza? Che subisce la violenza dalle stesse persone a cui l'ha inflitta, prima da dei vecchi barboni, poi dallo stesso scrittore, che lo accoglie in casa sua, e dopo averlo accolto e fatto mangiare, e ha bevuto del vino avvelenato, comincia a torturarlo,  solo che stavolta, per la rieducazione, non può difendersi, quindi Kubrick ci mostra le due facce della violenza, cosa è peggio un ragazzino che si diverte a pestare, o quelli che si vendicano dei suoi pestaggi?
Un film che ancora oggi fa discutere, e ne parleremo anche nei prossimi cinquant'anni questo è poco ma sicuro, che fa capire che la violenza, non sta mai da una parte sola, e che bisogna condannare  e giudicare tutto, non solo Alex e i suoi drughi.
Caplavoro assoluto, uno dei tanti del grande Kubrick.
Sabato prossimo ci sarà un altro capolavoro...Full Metal Jacket



Commenti

  1. Un film così importante che non smetterà mai di far discutere, che non smetterà di essere un grandissimo film ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul sito di Radio 3 c'è un podcast in cui un attore con la voce molto simile al doppiatore di Alex, legge il libro con il sottofondo delle musiche tratte dalla colonna sonora originale.
      È stupendo. L'estate scorsa l'ho ascoltato facendo passeggiate e al sole sulla spiaggia.

      Elimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post più popolari