Passa ai contenuti principali

Cadaveri e Compari



Comincia oggi una rassegna a cui tengo particolarmente, dedicata a un regista a cui da sempre ho voluto un gran bene,  Brian De Palma, cercherò di essere precisa, non sarà a cadenza settimanale, ma cercherò di improvvisare quanto più possibile per recensire tutti i suoi film, o almeno quelli che riesco a recuperare.
Quindi tenetevi forte, perché il divertimento sta per cominciare.

Può Brian De Palma, regista di cult entrati nel mito legati al genere giallo thriller e anche horror fare una commedia nera?
Se non vi prendete sul serio la risposta è SI!!!
Cadaveri e Compari si presenta sin da subito come un film che non vuole prendersi sul serio, e vuole fare ridere gli spettatori sugli stereotipi, compresi pregi e difetti dei film di mafia.
Sarò più precisa, il film è divertentissimo, ed è una commedia nera, con protagonisti due amici che scommettendo alle corse, usando i soldi di un boss mafioso, ma hanno la sfiga di perdere, inseguiti dai malavitosi che li vogliono far fuori, vengono beccati in un hotel a 5 stelle, con una Cadillac rubata a un killer e una carta di credito di lusso.
Il boss fa a loro un offerta che non possono rifiutare, uno deve uccidere l'altro per salvarsi la pelle, ma una serie di avvenimenti fa si che i due amici fregano il boss al suo stesso gioco, grazie all'aiuto della zia di uno dei due, si inscena qualcosa per prendere in giro coloro che li vogliono far fuori...riuscirà il loro colpo grosso? Oppure no?
Film irresistibile, divertente, che nonostante Brian De Palma, cerchi di fare del suo meglio, alla sua uscita non ha avuto il successo che meritava, ma resta comunque un divertente tentativo di un regista che fino ad ora era stato serioso con i suoi gialli e i suoi thriller, di non prendersi sul serio, scegliendo come protagonisti due attori straordinari come Danny De Vito e Joe Piscopo.
Per me è un film che merita una riscoperta, e sono sicura che vi divertirà così come è capitato a me, e naturalmente dopo la visione voglio ancora più bene a Brian De Palma.





Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.