Passa ai contenuti principali

Cadaveri e Compari



Comincia oggi una rassegna a cui tengo particolarmente, dedicata a un regista a cui da sempre ho voluto un gran bene,  Brian De Palma, cercherò di essere precisa, non sarà a cadenza settimanale, ma cercherò di improvvisare quanto più possibile per recensire tutti i suoi film, o almeno quelli che riesco a recuperare.
Quindi tenetevi forte, perché il divertimento sta per cominciare.

Può Brian De Palma, regista di cult entrati nel mito legati al genere giallo thriller e anche horror fare una commedia nera?
Se non vi prendete sul serio la risposta è SI!!!
Cadaveri e Compari si presenta sin da subito come un film che non vuole prendersi sul serio, e vuole fare ridere gli spettatori sugli stereotipi, compresi pregi e difetti dei film di mafia.
Sarò più precisa, il film è divertentissimo, ed è una commedia nera, con protagonisti due amici che scommettendo alle corse, usando i soldi di un boss mafioso, ma hanno la sfiga di perdere, inseguiti dai malavitosi che li vogliono far fuori, vengono beccati in un hotel a 5 stelle, con una Cadillac rubata a un killer e una carta di credito di lusso.
Il boss fa a loro un offerta che non possono rifiutare, uno deve uccidere l'altro per salvarsi la pelle, ma una serie di avvenimenti fa si che i due amici fregano il boss al suo stesso gioco, grazie all'aiuto della zia di uno dei due, si inscena qualcosa per prendere in giro coloro che li vogliono far fuori...riuscirà il loro colpo grosso? Oppure no?
Film irresistibile, divertente, che nonostante Brian De Palma, cerchi di fare del suo meglio, alla sua uscita non ha avuto il successo che meritava, ma resta comunque un divertente tentativo di un regista che fino ad ora era stato serioso con i suoi gialli e i suoi thriller, di non prendersi sul serio, scegliendo come protagonisti due attori straordinari come Danny De Vito e Joe Piscopo.
Per me è un film che merita una riscoperta, e sono sicura che vi divertirà così come è capitato a me, e naturalmente dopo la visione voglio ancora più bene a Brian De Palma.





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.