Passa ai contenuti principali

Notte Horror 18 - L'incendiaria - Fenomeni Paranormali Incontrollabili

Eh si, quest'anno ce l'ho fatta...dopo due estati che ahimè non sono riuscita a prenotare la partecipazione in tempo, questa estate puntuale ce l'ho fatta, e ho giusto scelto per voi un cult degli anni ottanta tratto da un romanzo di Stephen King -L'incendiaria


L'incendiaria è il romanzo di Stephen King, mentre il film ha un altro titolo, non importa è sempre la stessa storia, quella di una bambina che ha il potere di appiccare incendi, lo stesso potere che ha suo padre, ma per diverse ragioni ha deciso di tenere a bada prendendo farmaci.
I servizi segreti vogliono usare la bambina come arma, e il padre fa di tutto per proteggere sua figlia, soprattutto da quando gli agenti hanno ucciso la madre della piccola.


Horror atipico, che mescola diversi generi, dal classico film di paura, all'action fino allo spy movie, qui c'è una bambina da salvare, e che ha uno straordinario potere.
Spesso film di questo tipo oltre che a mettere in primo piano i bambini, hanno il pregio di criticare l'egoismo degli adulti.
Non ci sono in questo film mostri, scene di sangue, serial killer vari...ma soltanto una bambina che deve essere protetta dall'egoismo degli adulti.
Un horror puramente psicologico pensate voi...sbagliato, perché qui i veri mostri sono gli esseri umani, mostri nati dall'egoismo umano, dalla pura avidità, per poter usare una bambina innocente per nulla cattiva come immaginavo, anzi...una bambina che senza quei poteri potreste giudicare normale.
Quindi?
E quindi è un horror puramente umano, e solo un grande come il re, ha potuto scrivere un romanzo così complesso, come anche così incredibilmente attuale.
E sono passati ben oltre trent'anni dalla sua uscita.
Drew Barrymore era ancora una bambina, ed è stata bravissima nell'interpretare Charlie, altrettanto bravo è tutto il cast, la regia, particolarmente delicata capace di mostrare anche la paura nella piccola protagonista.
Per me questo film è un cult, non l'avevo mai visto prima dell'anno scorso e ho approfittato della riuscita per la partecipazione dei forum amici a notte horror per riesumarlo per poterne parlare.
E' un cult perché è capace di mostrare l'altro orrore, quello insito nella natura umana, che non mostra artigli o zanne, e sangue a fiumi, ma tutta la crudeltà che esiste dentro di noi.
E questo amici miei fa più paura che litri di sangue in piena vista ve lo assicuro io.



Commenti

  1. Trovo sia buono è giusto tenere alta la “Quota Stephen King” durante la Notte Horror, è passata circa una vita e mezza dall’ultima volta che ho visto questo film, ma tutto sommato mi è sempre piaciuto, il titolo italiano come al solimo immaginifico ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Mai visto, tuttavia dopo questa recensione una possibilità per vederlo in futuro potrà esserci ;)

    RispondiElimina
  3. Dl film non ne so nulla... ma ne approfitto per darti il benvenuto nella Notte Horror! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, bentornata direi dato che sono mancata nel 2016 e nel 2017, pazienza è andataa così cmq è sempre un piacere parlare di horror xD

      Elimina
  4. Deve essere bello come la tua recensione!
    Non ricordo però perché non l’ho mai visto.
    Forse perché quando passava in tv avevo l’eta’ giusta solo per horror a litri di sangue e splatter a go -go!
    Crescendo fortunatamente si cerca anche qualcos’altro.
    Devo recuperarlo.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, qui non ci sono spargimenti di sangue, la paura è tutta psicologica ma colpisce in pieno te lo assicuro xD

      Elimina
  5. Ah, uno dei mie piccoli cult adolescenziali. Grande scelta anche se dovrei rivederlo, temendo di ridimensionarlo inevitabilmente.

    RispondiElimina
  6. Certo che la Barrymore bambina, non si sa come mai, finiva sempre per trovarsi nel cast di film della Mad...
    Se guardi le boiate che poi ha fatto da grande c'è da mettersi a piangere.

    RispondiElimina
  7. Faccio outing per l'ennesima volta: detesto lo Stephen King scrittore, ma i film tratti dai suoi romanzi bene o male mi piacciono abbastanza. Questo qui ad essere sincero non l'ho mai visto e, insieme a Pet Sematary è nella lista delle mie future visioni da un bel po' di tempo. Bella recensione la tua comunque!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…