Passa ai contenuti principali

Notte Horror 18 - L'incendiaria - Fenomeni Paranormali Incontrollabili

Eh si, quest'anno ce l'ho fatta...dopo due estati che ahimè non sono riuscita a prenotare la partecipazione in tempo, questa estate puntuale ce l'ho fatta, e ho giusto scelto per voi un cult degli anni ottanta tratto da un romanzo di Stephen King -L'incendiaria


L'incendiaria è il romanzo di Stephen King, mentre il film ha un altro titolo, non importa è sempre la stessa storia, quella di una bambina che ha il potere di appiccare incendi, lo stesso potere che ha suo padre, ma per diverse ragioni ha deciso di tenere a bada prendendo farmaci.
I servizi segreti vogliono usare la bambina come arma, e il padre fa di tutto per proteggere sua figlia, soprattutto da quando gli agenti hanno ucciso la madre della piccola.


Horror atipico, che mescola diversi generi, dal classico film di paura, all'action fino allo spy movie, qui c'è una bambina da salvare, e che ha uno straordinario potere.
Spesso film di questo tipo oltre che a mettere in primo piano i bambini, hanno il pregio di criticare l'egoismo degli adulti.
Non ci sono in questo film mostri, scene di sangue, serial killer vari...ma soltanto una bambina che deve essere protetta dall'egoismo degli adulti.
Un horror puramente psicologico pensate voi...sbagliato, perché qui i veri mostri sono gli esseri umani, mostri nati dall'egoismo umano, dalla pura avidità, per poter usare una bambina innocente per nulla cattiva come immaginavo, anzi...una bambina che senza quei poteri potreste giudicare normale.
Quindi?
E quindi è un horror puramente umano, e solo un grande come il re, ha potuto scrivere un romanzo così complesso, come anche così incredibilmente attuale.
E sono passati ben oltre trent'anni dalla sua uscita.
Drew Barrymore era ancora una bambina, ed è stata bravissima nell'interpretare Charlie, altrettanto bravo è tutto il cast, la regia, particolarmente delicata capace di mostrare anche la paura nella piccola protagonista.
Per me questo film è un cult, non l'avevo mai visto prima dell'anno scorso e ho approfittato della riuscita per la partecipazione dei forum amici a notte horror per riesumarlo per poterne parlare.
E' un cult perché è capace di mostrare l'altro orrore, quello insito nella natura umana, che non mostra artigli o zanne, e sangue a fiumi, ma tutta la crudeltà che esiste dentro di noi.
E questo amici miei fa più paura che litri di sangue in piena vista ve lo assicuro io.



Commenti

  1. Trovo sia buono è giusto tenere alta la “Quota Stephen King” durante la Notte Horror, è passata circa una vita e mezza dall’ultima volta che ho visto questo film, ma tutto sommato mi è sempre piaciuto, il titolo italiano come al solimo immaginifico ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Mai visto, tuttavia dopo questa recensione una possibilità per vederlo in futuro potrà esserci ;)

    RispondiElimina
  3. Dl film non ne so nulla... ma ne approfitto per darti il benvenuto nella Notte Horror! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, bentornata direi dato che sono mancata nel 2016 e nel 2017, pazienza è andataa così cmq è sempre un piacere parlare di horror xD

      Elimina
  4. Deve essere bello come la tua recensione!
    Non ricordo però perché non l’ho mai visto.
    Forse perché quando passava in tv avevo l’eta’ giusta solo per horror a litri di sangue e splatter a go -go!
    Crescendo fortunatamente si cerca anche qualcos’altro.
    Devo recuperarlo.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, qui non ci sono spargimenti di sangue, la paura è tutta psicologica ma colpisce in pieno te lo assicuro xD

      Elimina
  5. Ah, uno dei mie piccoli cult adolescenziali. Grande scelta anche se dovrei rivederlo, temendo di ridimensionarlo inevitabilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no non credo che lo ridimensionerai ^_^

      Elimina
  6. Certo che la Barrymore bambina, non si sa come mai, finiva sempre per trovarsi nel cast di film della Mad...
    Se guardi le boiate che poi ha fatto da grande c'è da mettersi a piangere.

    RispondiElimina
  7. Faccio outing per l'ennesima volta: detesto lo Stephen King scrittore, ma i film tratti dai suoi romanzi bene o male mi piacciono abbastanza. Questo qui ad essere sincero non l'ho mai visto e, insieme a Pet Sematary è nella lista delle mie future visioni da un bel po' di tempo. Bella recensione la tua comunque!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.