Passa ai contenuti principali

A Serbian Film - Un post Senza foto

Bisogna sempre ascoltare i consigli degli amici…
E seguirli…
Prima volta nella mia vita che mi pento di aver visto un film…
Che film non è come dice l'amico Ford, perché se tu vuoi essere disturbante lo devi fare nella maniera giusta, lo sanno maestri come Lynch, Lars Von Trier, e Michael Haneke, che fanno si parlare il pubblico con i loro film, ma il loro essere disturbanti è pertinente con la storia che vogliono raccontare.
A serbian film è solo una colossale, gigantesca,montagna di merda...quello che penso io di questo film che volutamente sto recensendo senza inserire alcuna foto per protesta, perché non voglio assolutamente che la gente veda  questo abominio.
No, perché questo non è un film, è soltanto un groviglio di perversioni del regista stesso, ma come si fa a far vedere una roba così malata,così fuori di testa alla gente?
No, non sto esagerando ragazzi, quello che vi racconto è pura verità.
Non ho problemi con il cinema, non sono una vergine che non ha mai visto horror in vita sua, lo dimostrano la filmografia di Romero - anche lui disturbante con le sue trilogie sugli zombi, ma questa è un altra storia, A Serbian Film è un film di una violenza insostenibile, e soprattutto gratuita, ma anche il protagonista che accetta quasi a scatola chiusa per poi pentirsene quando ormai è troppo tardi…
Ecco che è successo stasera...vi racconto la mia visione di questo film.
Cerco in streaming A serbian film, lo trovo e stranamente mi blocco, non riesco a cominciare a guardarlo, sto lì come un ebete indecisa se guardarlo o meno.
Il caldo fa brutti scherzi a volte...me ne rendo conto.
Appena mi decido a guardarlo la prima sorpresa...il film è in serbo, non ci capisco niente di come inserire i sottotitoli su openload, cerco online ma niente, il film è solo in lingua originale, sto per rinunciarci quando mi viene la malsana idea di scaricarlo….il film non lo voglio sto lì per lì a rinunciare ma mi convinco a scaricarlo, lo trovo, comincio, si vede una scena di un film porno, e un bambino che la guarda...ma che caxxo di film è?
La cosa mi turba un po' ma continuo a guardarlo, girato bene, atmosfere inquietanti bah forse è tutta suggestione, io che ho deciso da appassionata di cinema quale sono, di non avere limiti e guardare di tutto, però certi film non si pongono limiti, in A Serbian Film sono presenti, pedofilia, necrofilia, incesto e chi più ne ha più ne metta, capisco che nonostante l'inizio un po' così qualcosa non mi torna, il film mi annoia, e dico ma dove vuole andare a parare, si va avanti, si nota che questo Milos, è stato scelto per fare un film ma non gli dicono di che parla...al posto suo non mi sarei fidata, e così facendo finiva il film, ognuno stava a casa sua, e tutti amici come prima.
Ma Milos accetta, e Spasojevich scusate se lo dico, è un pervertito, uno psicopatico...perché una persona normale non girerebbe una pellicola così abberrante, che ti fa incazzare dopo la visione, c'è stata una scena con un neonato che mi ha fatto urlare NO!!! e stavo davvero per mandarlo al diavolo...devo essere io fuori di testa per continuare a guardare, ma sinceramente parlando l'ho fatto per capire dove il regista voleva andare a parare.
Che cosa resta della visione?
Il NULLA cosmico presto al quadrato, un grandissimo senso di nausea, forse tra poco andrò pure a vomitare, scusate e una tristezza immane verso quel bambino alla fine...che...no basta.
Non ci sono giustificazioni per una merda simile.
Non c'è una storia che induca un regista a torturare gli spettatori in questo modo.
Non c'è plot che regga tutte le perversioni di questo film.
Non c'è nulla che possa giustificare una crudeltà simile.
A tutto c'è un limite e lo dico da persone che non si scandalizza di fronte a nulla.
Ridatemi Pasolini, ridatemi Lars Von Trier, ma aiutatemi a dimenticare questa aberrazione…

Commenti

  1. Quando l'arte suscita emozioni, qualunque esse siano, è riuscita nel suo intento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa non è arte, è aberrazione te lo assicuro io...

      Elimina
  2. L?ho trovato un grosso metaforone grossolano, in certi momenti molto estremo, in altri addirittura involontariamente comico, insomma poca roba ;-) Cheers

    RispondiElimina
  3. Infatti avresti dovuto ascoltare il consiglio, non darei voto zero a nessun film, ma a questo sì!

    RispondiElimina
  4. Di pancia, dopo una prima visione, la pensavo come te. Ci ho poi ragionato a lungo sopra e infine devo dire che è un film con il suo perché. Tieni presente che si tratta niente di meno che della descrizione, in chiave filmica, di quanto è realmente accaduto in quei luoghi durante la guerra dei Balcani... stupri, omicidi, violenza di ogni tipo, anche sui bambini... ed ecco quindi che, se la vedi nell'ottica della denuncia umanitaria, il "Newborn Porn" tanto deprecato assume un suo significato. Possiamo anche sputare su Spasojević che ha girato questo film, ma la verità è da tutt'altra parte che dovremmo dirigere i nostri sputi. Il regista ha volutamente reso indigeribile la visione con lo scopo che se ne parli il più possibile e, anche se spesso frainteso, ci è riuscito in pieno.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.