Passa ai contenuti principali

Casper

Avete presente il cartone animato di quando eravamo piccini negli anni '80?
Orbene, nei '90, si è voluto fare un film live action con il dolce fantasmino Casper, e tra i protagonisti c'era una giovanissima Christina Ricci all'epoca quindicenne.

Fino a quest'anno non avevo ancora visto Casper, così ne approfittai per recuperarlo proprio in questo 2018,  ormai 23 anni orsono, ma cone dico sempreio...non è mai troppo tardi per recuperare.
La mia impressione su questo film è questa: sembrerebbe un film per bambini, ma è adatto anche ai più grandi, se vogliono ovviamente volare con la fantasia e sentirsi di nuovo bambini.
Tuttavia la trama è tutt'altro che superficiale, il parapsicologo James Harvey e sua figlia Kat, si stabiliscono nel maniero in cui si dice sia infestato dai fantasmi, di cui uno Casper è gentile e vuole fare amicizia con gli umani, di diverso parere sono gli zii Molla, Ciccia e Puzza, che intendono spaventare gli umani.
Il dottore intende scacciarli, ma ben presto si rende conto che dietro questa scacciata c'è l'avidità della proprietaria del castello, che intende intascarsi l'intera eredità di suo nonno.
Potrebbe essere un buon film imperfetto, perché no?
A me comunque è piaciuto soprattutto per quanto riguarda il mondo dei vivi che incrocia quello dei morti, e la capacità dei personaggi di poter rassegnarsi alla morte per poter andare avanti nella vita.
Lasciatemelo dire, ogni tanto fa bene volare con la fantasia, staccare la spina e sognare, infondo il cinema è questo, e Casper ha tutte le carte in regola per essere uno di questi film.
Perciò, se volete una serata senza pretese, ma un film con dei contenuti, allora Casper fa per voi, è divertente, è sognante, fa sognare e volare con la fantasia, lasciatevi contagiare da questa tenera amicizia tra Casper e Kat, magari in compagnia dei vostri bambini, spiegando loro che le persone che ci lasciano infondo non se ne vanno del tutto via, almeno con lo spirito.
Per quanto mi riguarda mi è piaciuto molto.





Commenti

  1. Un mio piccolo cult di bambino, e non solo per la Ricci, ma perché è un film bello ed emozionante, impossibile dimenticare ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.