Passa ai contenuti principali

Casper

Avete presente il cartone animato di quando eravamo piccini negli anni '80?
Orbene, nei '90, si è voluto fare un film live action con il dolce fantasmino Casper, e tra i protagonisti c'era una giovanissima Christina Ricci all'epoca quindicenne.

Fino a quest'anno non avevo ancora visto Casper, così ne approfittai per recuperarlo proprio in questo 2018,  ormai 23 anni orsono, ma cone dico sempreio...non è mai troppo tardi per recuperare.
La mia impressione su questo film è questa: sembrerebbe un film per bambini, ma è adatto anche ai più grandi, se vogliono ovviamente volare con la fantasia e sentirsi di nuovo bambini.
Tuttavia la trama è tutt'altro che superficiale, il parapsicologo James Harvey e sua figlia Kat, si stabiliscono nel maniero in cui si dice sia infestato dai fantasmi, di cui uno Casper è gentile e vuole fare amicizia con gli umani, di diverso parere sono gli zii Molla, Ciccia e Puzza, che intendono spaventare gli umani.
Il dottore intende scacciarli, ma ben presto si rende conto che dietro questa scacciata c'è l'avidità della proprietaria del castello, che intende intascarsi l'intera eredità di suo nonno.
Potrebbe essere un buon film imperfetto, perché no?
A me comunque è piaciuto soprattutto per quanto riguarda il mondo dei vivi che incrocia quello dei morti, e la capacità dei personaggi di poter rassegnarsi alla morte per poter andare avanti nella vita.
Lasciatemelo dire, ogni tanto fa bene volare con la fantasia, staccare la spina e sognare, infondo il cinema è questo, e Casper ha tutte le carte in regola per essere uno di questi film.
Perciò, se volete una serata senza pretese, ma un film con dei contenuti, allora Casper fa per voi, è divertente, è sognante, fa sognare e volare con la fantasia, lasciatevi contagiare da questa tenera amicizia tra Casper e Kat, magari in compagnia dei vostri bambini, spiegando loro che le persone che ci lasciano infondo non se ne vanno del tutto via, almeno con lo spirito.
Per quanto mi riguarda mi è piaciuto molto.





Commenti

  1. Un mio piccolo cult di bambino, e non solo per la Ricci, ma perché è un film bello ed emozionante, impossibile dimenticare ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.