Passa ai contenuti principali

Tideland - Il Mondo Capovolto

Conosco già quello che sto provando per la fine di un viaggio, un viaggio fatto con un autore visionario e straordiario come Terry Gilliam, che in un modo o nell'altro è stato protagonista alla fabbrica in questo 2018, un viaggio che mi ha donato tanto, che mi ha divertita, mi ha fatta riflettere e sognare, ma anche aprire la porta verso qualcosa che fino ad oggi potevo soltanto immaginare.

Chi ama il cinema sa, che non deve stare ancorato in un solo genere o tipologia di film, per questo decisi verso la fine dell'anno scorso di dedicare una rassegna a Terry Gilliam, perché secondo  me 1- gli era dovuto uno spazio alla fabbrica, e 2 - volevo vedere tutti i suoi film perché erano anni che saltuariamente guardavo le sue ultime uscite cinematografiche, così mi presi di coraggio e mi lanciai alla scoperta del suo cinema.
Fino ai film che ho rivisto per recensirli alla fabbrica.
Risultati? Ve li lascio solo immaginare, no perché i film di Terry Gilliam non si possono esprimere con semplici parole, bisogna viverli e basta. Solo allora potrete capirli e immergervi nel suo mondo,allucinato, visionario, surreale e soprattutto bellissimo.
Tideland, adesso posso capirlo meglio perché conosco il suo cinema ormai di essere un ritorno alle origini, forse imperfetto ma un ritorno è, visionario, bellissimo con protagonista una bambina con due genitori sciroccati e tossici che finiscono per morire di overdose.
Qui ho notato una cosa bellissima, Terry Gilliam ha voluto fare un film sulla negazione dell'infanzia, è proprio la bambina a preparare le dosi ai suoi genitori, quando non dovrebbe neanche avvicinarsi alle sostanze stupefacenti, sottolinea infondo  quanto sia difficile essere bambini quando si hanno genitori particolari; ma infondo possiamo scegliere noi i genitori?
No purtroppo, dobbiamo accettare quelli che abbiamo e ce li dobbiamo tenere, ma c'è un barlume di speranza in quella tenera bimba, la sua immensa fantasia e anche un amico un po' mattocchio che sarà l'unico  a volerle veramente bene.
Un altro piccolo grande film che chiude almeno per il momento - ma le sorprese su Terry personalmente non finiscono qui...chissà a settembre potrei fare uscire dal cappello qualche vera chicca - una grande rassegna che sono felice di aver fatto.
Almeno per i film per Lost in La Mancia un documentario che devo ri-vedere per poterlo recensire, arriverà prestissimo, come anche gli altri film sui monty python, se ne parla quando arriva la stagione autunnale...forse o a breve anche loro.
Intanto la prossima rassegna sarà su un altro grande regista, se amate il brivido, il thriller, il giallo non perdetevi la rassegna dedicata a Brian De Palma, da molti considerato l'erede di Hitchcock ma che è un grande regista e merita senza dubbio un degno spazio alla fabbrica dei sogni.









Commenti

  1. Voglio molto bene a Tideland, è un film coraggioso nel trattare certi elementi, totalmente mostrati dal punto di vista di una bambina, a me piace molto, ottima analisi e concordo, ci sta a pennello Terry qui nel tuo blog ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si, aspettati anche Wes Anderson, Brian De Palma e Kubrick, la mia fame di cinema non finisce certo qui xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.